Confcooperative sbarca ai Castelli

0

Non è voluto mancare l’assessore provinciale alle Politiche Sociali Claudio Cecchini all’inaugurazione della prima sede territoriale dei Castelli Romani di Confcooperative, che ha preso posto negli uffici della cooperativa sociale Arcobaleno, in via San Filippo Neri a Frascati. Insieme all’onorevole erano presenti il sindaco Stefano Di Tommaso, il vice presidente nazionale di Confcooperative Carlo Mitra, il presidente della cooperativa Arcobaleno Ubaldo Lucci, il presidente della Comunità Montana Giuseppe De Righi e don Raffaello, intervenuto per la benedizione. La nuova sede, la prima dei Castelli Romani, intende essere uno sportello di consulenza imprenditoriale e assistenza allo start-up per chiunque voglia avviare un’attività cooperativistica, con servizi di patronato e offerta di corsi di aggiornamento e formazione. «Abbiamo voluto creare una realtà che si occupi del futuro delle persone in difficoltà» è stato l’intervento di Mitra.

«Un arricchimento importante del nostro territorio – ha sottolineato il primo cittadino – perché con la nuova finanziaria in atto nei prossimi anni saremo chiamati a far fronte alla situazione di grande disagio in cui verranno a trovarsi i nostri cittadini». D’obbligo un richiamo al welfare da parte di Cecchini: «L’apertura di questa sede territoriale è un messaggio di speranza e pone l’attenzione sulla necessità di creare un cantiere che rilanci l’idea di welfare, attraverso una rivisitazione del suo modello, puntando sull’innovazione, e rimettendo al centro del dibattito l’importanza dei diritti e della tutela dei cittadini». Nata nel 1982 la cooperativa Arcobaleno del presidente Lucci, da sempre attenta ai problemi dell’emarginazione, del disagio mentale e della disabilità, sposa quindi Confcooerative con il chiaro intento di mostrare che si può far impresa mantenendo ben salde le finalità sociali.

Michela Emili 

È SUCCESSO OGGI...