Rifiuti, quel piano che non va

0

 

Il piano dei rifiuti, approvato dalla giunta regionale, «non è sufficiente ad assicurare il rispetto degli obblighi di diritto dell'Unione Europea gravanti sull'Italia». A dirlo sono i radicali del gruppo consiliare Lista Bonino Pannella – Federalisti europei della Regione Lazio. Si tratta di un piano che «non consente di individuare i luoghi adatti allo smaltimento dei rifiuti, in particolare quelli pericolosi».

In una conferenza stampa sono stati illustrati i punti critici del piano rifiuti della Polverini. Presenti Giuseppe Rossovita, Rocco Berardo, Massimiliano Iervolino e il segretario dei Radicali italiani Mario Staderini. Il piano, secondo gli astanti, ne contiene due, entrambi sbagliati: il primo fissa come obiettivo al 2011 il raggiungimento del 60% di raccolta differenziata, il secondo nasce dall'ipotesi di avere negli anni una crescita inerziale sia di produzione dei rifiuti che di percentuale di raccolta differenziata.

L'uno è irrealizzabile, l'altro non in grado di individuare i luoghi adatti allo smaltimento dei rifiuti. Innanzitutto il livello di raccolta differenziata al 60% è puramente velleitario. Infatti, se le percentuali di riciclo nel 2008, riportate dal testo della Giunta, sono per tutta la regione del 15%, per Roma del 16%, per Frosinone del 6%, solo per citarne alcune, come si può pensare di raggiungere il livello del 60% nel 2011? Lo scenario di controllo invece prevede la costruzione di impianti di termovalorizzazione e di trattamento meccanico biologico entro il 2014, senza fare cenno a dove andranno a finire i rifiuti nel frattempo.

Uno scenario «appositamente lacunoso», dicono i radicali, visto che l'unica soluzione praticabile è quella di Malagrotta, discarica che viola le direttive europee. E ancora nel piano non si fa nessun riferimento alla problematica economica che impedisce ai comuni di ricorrere alla differenziata. Per quanto riguarda Roma poi, i radicali denunciano la politica di Alemanno che ha svenduto la salute dei cittadini, non occupandosi della differenziata che resta ferma al 20%. A tutto ciò i radicali contrappongono la loro proposta di legge, improntata alla visione del rifiuto come risorsa e alla responsabilizzazione del cittadino. Una pro- posta che prevede incentivi economici per ottenere il massimo del riuso dei rifiuti urbani.

 

Francesca D'Amico

È SUCCESSO OGGI...

Roma, denunciato per lesioni personali, minaccia aggravata e danneggiamento un 40enne romeno. Sequestrata una...

0
Nella giornata del 14 luglio scorso, gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Villa Glori, diretto da Anna Galdieri, hanno effettuato un controllo nei confronti di un uomo sottoposto alla misura...

Castel Romano, sequestrato il Villaggio della Solidarietà

0
Nella mattinata odierna personale del Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale , appartenente al Reparto Tutela Ambientale ed Urbanistica della U.O. S.P.E e del Comando Generale, ha dato esecuzione al sequestro...

Trastevere, due gli arresti degli agenti del commissariato nelle ultime 24 ore

0
Nel corso degli ordinari servizi di controllo del territorio, volti a prevenire e a reprimere i reati e a garantire l’ordine e la sicurezza pubblica nel quartiere di Trastevere, gli agenti del...

Coronavirus, oggi nel Lazio 9 contagi: scendono i ricoveri in terapia intensiva

0
“Oggi registriamo un dato di 9 casi. Di questi 8 sono casi di importazione: 5 casi hanno un link con voli di rientro dal Bangladesh già attenzionati, un caso di rientro dall’India...

Roma, arrestati dalla polizia 2 cittadini stranieri per furto

0
Due cittadini  di origine romene di 25 e 34 anni sono stati arrestati per furto nei pressi della Stazione di Roma Termini dagli agenti della Polizia di Stato - Compartimento Polizia Ferroviaria...