Usura, torna la banda della Magliana

0

 Una delle vittime era addirittura convinta di aver acquistato la casa del noto giocatore Cafù e un’altra la partecipazione ai magazzini Coin di via Cola di Rienzo a Roma. Con la speranza di realizzare affari d’oro, di riuscire a comprare un’auto o una casa da aste giudiziarie, le vittime entravano nella rete di un’organizzazione criminale, cacciandosi in un tunnel alla fine del quale c’era solo l’indebitamento. Per essere costrette a pagare molte vittime usurate venivano minacciate anche con le armi. E’ stata scoperta ieri un’organizzazione criminale che operava a Roma dedita all’usura, al riciclaggio di denaro, al millantato credito, alle estorsioni e alle truffe. L’operazione antiriciclaggio, denominata «Il gioco è fatto », è stata realizzata dalla Squadra Mobile della Questura di Roma e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, con l’ausilio del Reparto Volo, di personale del Reparto Volanti e dei Commissariati della Capitale. L’operazione, cominciata fin dalle prime luci dell’alba della giornata di ieri, ha portato a numerosissime perquisizioni e a circa 11 misure di custodia cautelare. Arresti e perquisizioni che hanno riguardato personaggi di spicco della cosiddetta banda della Magliana e della criminalità organizzata romana e napoletana. E ancora, personaggi notissimi alle cronache giudiziarie indagati in quanto sospettati di essere i mandanti di tale giro di affari truffaldini. Tra gli arrestati anche due noti professionisti, un avvocato e un commercialista, accusati rispettivamente di millantato credito e riciclaggio. Attraverso di loro, a quanto risulta, la banda criminale poteva simulare alte aderenze in Tribunale. Gli investigatori hanno comunicato inoltre come non sia stato facile penetrare la riservatezza e la vergogna delle vittime dopo che si erano rese conto di essere state raggirate. Ma «il dialogo e la collaborazione tra i cittadini e gli investigatori – ha sottolineato una nota della questura – si è rivelato determinante per il buon esito delle indagini».

 

                                                                                                             Francesca D’Amico

È SUCCESSO OGGI...

“Multa a chi non usa la mascherina”. Arriva il nuovo provvedimento della Regione Lazio

0
Una ordinanza per multare chi non indossa la mascherina quando e' in compagnia di altre persone. E' la misura annunciata dall'assessore alla Sanita' della Regione Lazio, Alessio D'Amato, nel corso di una...

Movida a San Lorenzo: 4 locali chiusi, 426 persone identificate

0
Nelle ultime due settimane, i Carabinieri della Compagnia di Roma Piazza Dante hanno eseguito costanti controlli nella zona di San Lorenzo, con un dispositivo, presente quasi quotidianamente, di circa 16 militari.Le verifiche...

Emergenza Coronavirus, proseguono i controlli a Pomezia. A luglio 193 verifiche e 38 verbali...

0
Proseguono i controlli nel territorio del Comune di Pomezia da parte della Polizia locale per verificare il rispetto delle prescrizioni anti contagio da Covid-19. Nel mese di luglio sono 193 le verifiche effettuate tra...

Coronavirus: nel Lazio 14 casi di cui 11 di “importazione”

0
"Oggi nel Lazio registriamo un dato di 14 casi. Di questi, 11 sono di 'importazione'". Lo rende noto l'assessore alla Sanità regionale, Alessio D'Amato, precisando che i casi di 'importazione' sono, nel dettaglio,...

Villa Ada. Maltratta per anni la compagna con la quale vive in una baracca...

0
Erano anni che i due, senza fissa dimora, trovavano rifugio in una baracca nel parco pubblico di Villa Ada e, dopo qualche anno di convivenza, l’uomo aveva iniziato a bere e, in...