Ciclismo, stagione finita per Marta Bastianelli

0

 

Stagione finita per Marta Bastianelli. La sfortuna non sembra abbandonare la giovane ciclista di Lariano, coinvolta un paio di giorni fa in un incidente durante un allenamento sulle strade di casa.
L’ex campionessa del mondo, infatti, è caduta a terra sul ponte di Ariccia durante un allenamento, perchè il conducente di un auto ha aperto la portiera proprio nel momento in cui Marta e altri due ciclisti stavano sopraggiungendo in fila indiana.
Il primo giovane, Romaggioli, ha preso un colpo al collo ed è ricoverato ancora ad Albano, ma le sue condizione sono piuttosto buone; Marta invece cadendo a terra ha sbattuto violentemente la schiena riportando la lesione di una vertebra; solo scoriazioni invece per l’altra ciclista, Danieli.
Trasportata prima ad Albano e poi a Roma al San Giovanni, la ciclista di Lariano è stata subito sottoposta ad alcuni accertamenti da cui è emerso oltre ad un trauma cranico la lesione alla terza vertebra della colonna.
Questo comporterà un’operazione (probabilmente la prossima settimana a Roma) per inserire una placca e permettere alla ciclista di poter così continuare la sua carriera.
«Ci vorranno cinque o sei mesi per rivedere Marta in sella – conferma il suo allenatore Francesco Fabbri -. E’ davvero un anno sfortunato per lei, e a questo punto interessa poco la sentenza del Tas di Losanna sulla squalifica, Marta dovrà pensare solo a guarire in fretta per cercare di tornare a pedalare presto».
E questo è davvero quello che si augurano tutti i suoi tifosi, in questo momento vicini alla ciclista in un periodo non facile.
Dopo la pesante squalifica, infatti, è il terzo incidente per Marta Bastianelli nel giro di pochi mesi. Dopo quello del 16 novembre, ne ha avuto anche uno a Norma poco tempo fa, tutti episodi che l’hanno costretta a restare ferma per un po’ di tempo. E ora anche questo incidente la costringerà a rivedere tutti i suoi programmi di preparazione al rientro nelle gare ufficiali.
Era attesa proprio in questi giorni la sentenza del Tas di Losanna (è infatti scaduto il termine di un mese), ma non è ancora arrivata nessuna novità sulla squalifica di Marta Bastianelli. Il responso definitivo in merito al ricorso presentato dai legali dell’ex iridata doveva arrivare il 20 maggio. La 22enne ciclista larianese si stava allenando proprio nella speranza di una buona notizia in merito alla squalifica che gli è stata inflitta, e che scadrà in ogni caso il prossimo 5 agosto.
Ottenere uno sconto di pena e cercare quindi di rientrare per i Campionati Italiani del 27 giugno a Imola e per il Giro d’Italia donne che invece si disputerà dal 3 al 12 luglio era il desiderio di Marta, che aveva anche ipotizzato un altra strada. E cioè se non fosse arrivata la riduazione, avrebbe atteso il 5 agosto per tornare a gareggiare, anche se con una stagione ormai quasi al termine.
La sua società, la Selle Italia Ghezzi, avrebbe pensato di parteicpare a una corsa a tappe in terra francese; e poi la ciclista di Lariano avrebbe potuto gareggiare nelle utime due prove della Coppa del Mondo: il 22 agosto in Francia e il 13 settembre in Germania.
Ovviamente in caso di una convocazione in azzurro, Marta avrebbe potuto anche tentare di riprendersi il titolo mondiale il 26 settembre in Svizzera, quello stesso oro vinto a Stoccarca nel 2007.
Iil tutto era legato alla tesi difensiva che i legali hanno portanto avanti, ovvero che la sostanza incriminata e che ha portato alla sua squalifica fosse contenuta in un prodotto dimagrante da erboristeria, come ha sempre dichiarato la ciclista di Lariano.
La 22enne ha sempre professato la sua buonafede, e sono in molti a crederle, soprattutto a chi l’ha vista crescere e pedalare tra le strade di Lariano. Ma ora tutto questo non importa davvero. Al di là di quello che potrà dire la sentenza, Marta ha una battaglia diversa da combattere e da vincere. Ma saprà tirare fuori il carattere anche in questa sfortunata vicenda e tornare in sella il prossimo anno più forte di prima.

È SUCCESSO OGGI...