Meteo Roma, l’allerta è finita. Torna un po’ di sereno

0
81

Dopo una settimana di pioggia si intravede un po’ di sereno stamattina sui cieli di Roma e provincia
Sarà con sprazzi di sereno, nuvole e piogge. Temperature: minime da 5 (Viterbo) a 9 gradi (Latina), massime tra 11 (Rieti e Viterbo) e 14 (Roma e Latina). Solo nel pomeriggio saranno possibili dei rovesci. Ma già a partire dalla serata ritornerà il bel tempo, situazione che si prolungherà fino a domani. Ieri la Regione Lazio aveva lanciato lo stato di allerta.  Intanto proseguono gli interventi per il maltempo nelle zone di Fiumicino, Ostia e Acilia.

CITTÀ DEVSTATA DALLE BUCHE – Situazioni critiche, a causa delle buche, su 66 strade di grande viabilità a Roma. L”assessorato ai Lavori Pubblici, riporta l”Agenzia per la mobilità, ha fatto sapere che “32 squadre delle imprese della manutenzione stradale sono al lavoro, assieme ai tecnici del dipartimento Manutenzione, ininterrottamente da venerdi” scorso, primo giorno dell”emergenza maltempo, sulle 599 strade, per circa 700 chilometri, della cosiddetta ”Grande viabilita””. “Gli interventi- ha spiegato l”assessorato- nel corso dell”emergenza hanno riguardato messa in sicurezza delle strade a seguito di dissesti, frane e voragini, fornitura di idrovore ed escavatori, soccorso per allagamenti e altre 90 azioni coordinate dalla Protezione Civile. Le strade sono monitorate e interessate da interventi continui di ricolmatura delle buche”. Sono 66, come detto, le strade della ”Grande viabilita”” in cui il manto stradale presenta criticita” importanti. Tra queste: piazza Venezia, viale dell”Universita”, via Salaria, via dei Campi Sportivi, viale Mazzini, via di Portonaccio, via Nomentana, via di Settebagni, via Tiburtina, via Collatina, via Casilina, via Tor Tre Teste, via di Capannelle, viale Palmiro Togliatti, via del Tintoretto, via Laurentina, via dell”Acqua Acetosa Ostiense, via Ardeatina, via del Mare, via Ostiense, via della Pisana, via Ettore Rolli, via della Magliana, via Ponte Galeria, via Gregorio VII, via Aurelia, via della Maglianella, via Boccea, via Cassia, via Trionfale, via Pineta Sacchetti, via della Storta.

RISCHIO GEOLOGICO – “Nei giorni scorsi l”ennesimo evento meteorico rilevante ha coinvolto la Capitale, con effetti particolarmente drammatici nella parte settentrionale del territorio comunale (Labaro e Prima Porta) e in quella sud-occidentale (Ostia e Infernetto), nonche” nei limitrofi comuni di Fiumicino e Riano. Sono ormai anni che assistiamo agli stessi scenari, e spesso nelle stesse zone. Che il dissesto idrogeologico sia un”emergenza gravissima per il nostro Paese l”Ordine dei geologi del Lazio lo dice ormai da decenni”. Cosi” il presidente Roberto Troncarelli in una nota. “Nella nostra regione 372 comuni, il 98% del totale, hanno almeno un”area a rischio di frana o di esondazione, in cui e” a repentaglio la vita umana e piu” di 350mila cittadini vivono in aree potenzialmente a rischio idrogeologico. Alla rapida espansione urbana e alla crescita degli abitati e delle periferie metropolitane, con conseguente impermeabilizzazione di estese superfici- denuncia l”Ordine dei geologi- quasi mai e” seguito l”adeguamento delle infrastrutture per lo smaltimento delle acque meteoriche. A volte, poi, si e” giunti ad urbanizzare e edificare intensamente anche aree di naturale pertinenza fluviale o comunque facilmente inondabili, cosi” che oggi ci troviamo di fronte a una situazione in molti casi irrimediabilmente compromessa, dove e” difficile, quando non impossibile, realizzare anche gli interventi di messa in sicurezza. Ma la politica e gli amministratori si ricordano solo il giorno dopo che il dissesto idrogeologico e” un”emergenza nazionale”.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SUL METEO DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”52″]