Nettuno, senza lavoro gli strappano la casa e i figli

0
195

Ritrovarsi  sul lastrico dall’oggi al domani. Senza una giustificazione e un’assistenza sufficiente alla sopravvivenza. E’ la storia di Maurizio Cella, sessantenne di Nettuno, che stamattina si è incatenato davanti al Comune per chiedere un atto di giustizia per la sua condizione.

LA STORIA – E’ successo tutto in poche settimane. Un susseguirsi di eventi drammatici che hanno portato quest’uomo, padre di due figli di 6 e 16 anni, a vivere in  strada. Tutto ha inizio con la perdita del lavoro. Maurizio che aveva già dovuto affrontare un allontanamento dalla moglie si è ritrovato da solo a mantenere la famiglia. E le disgrazie non arrivano mai da sole. Gli viene recapitata una lettera di sfratto nell’immobile in cui vive di via Corallo. Insieme a lui ci sono 40 famiglie. Maurizio non sa dove andare e a chi rivolgersi. I servizi sociali, vista la condizione, gli tolgono i figli. Poi il 5 marzo arriva lo sgombero. Forzato.

IL RACCONTO – «Non mi hanno lasciato il tempo neanche di prendere tutto l’occorrente – dice Maurizio. In quella casa ho lasciato tutti i miei beni, non possono togliermela dall’oggi al domani senza un perché e una contropartita adeguata. Vivo lì da 18 anni. Fu il sindaco Carlo Conte a consegnarmi le chiavi e farmi firmare un documento. Credevo di essermi sistemato per sempre – continua Maurizio – ma purtroppo non è stato così. Ora per lasciare l’immobile mi hanno promesso 500 euro questo mese e 500 il prossimo, ma io ho rifiutato. Come si fa ad accettare una proposta simile. Nei giorni scorsi alcuni rappresentanti del Comune mi hanno promesso casa e lavoro. Mi sono dimostrato disponibile a tutto, ma quelle proposte non si sono concretizzate. Ho l’impressione che mi stiano prendendo in giro. Ora dico basta. Io da qui non mi muovo».

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU NETTUNO DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”46″]