Infernetto, folla in delirio per la visita del Papa

0
49

Almeno diecimila persone hanno accolto oggi pomeriggio la visita di Papa Francesco nella nella parrocchia di San Tommaso Apostolo all”Infernetto (via Lino Liviabella 70) nel cinquantesimo della sua fondazione, avvenuta il 19 febbraio 1964. Davanti all’ingresso della chiesa c’erano il cardinale vicario Agostino Vallini, l’ausiliare monsignor Paolino Schiavon e il parroco.

INCONTRO CON I BAMBINI – Al suo arrivo Papa Francesco ha incontrato i bambini del catechismo e i ragazzi che riceveranno il sacramento della Confermazione. Poi un saluto ai fedeli nel cortile antistante la Parrocchia. Infine, in una saletta, i bambini battezzati negli ultimi mesi con i loro genitori, gli anziani, gli ammalati e l’associazione di famiglie con figli disabili.
«Non attirare l’attenzione del Santo Padre nel suo passaggio» e «non tendere la mano per attirare il Santo Padre». Sono due delle otto «raccomandazioni» che la parrocchia di San Tommaso Apostolo ne ha stilato, per la visita di Papa Francesco.
Appena la veste bianca del Papa viene avvistata, tutti si precipitano verso le prime file delle transenne, invocano ad alta voce «Francesco! Francesco!» e tendono la mano per un contatto ravvicinato con il Santo Padre, il quale a sua volta contraccambia con affetto regalando sorrisi e strette di mano

LA SANTA MESSA – Alle 18 il Santo Padre ha presieduto l”eucaristia, ”il fulcro della visita”, come la definisce don Antonio. Durante l”offertorio è stato consegnato al Papa un aiuto concreto per i poveri. Circa 400 dei tanti partecipanti hanno preso il posto nell”aula liturgica, per tutti gli altri è stato allestito un maxischermo nel piazzale davanti alla chiesa”. Nella parrocchia dell”Infernetto, oltre all”associazione San Tommaso onlus, che si occupa della distribuzione di vestiario, suppellettili per la casa e prodotti per l”infanzia a chi ne ha bisogno, si segnala la presenza dei gruppi Pi-Greco che si occupano di ricerca, studio e informazione sulle sette e sui nuovi movimenti religiosi alternativi e interviene nelle famiglie colpite da questi fenomeni.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU OSTIA DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”26″]