Maltempo, al Cara di Castelnuovo mamme e bimbi in condizioni difficili

Una parte degli 800 rifugiati e richiedenti asilo appartengono a categorie fragili. 80 i minori nella struttura

0
232

Con 800 rifugiati e richiedenti asilo politico, di cui 80 minori il Centro CARA di Castelnuovo di Porto è una delle realtà sociali più colpite dall’alluvione del fiume Tevere. Ma la sua condizione i centro di accoglienza lo rende anche uno dei luoghi “dimenticati”, in un limbo tra Roma e l’abitato di Castelnuovo di Porto (sul cui territorio il centro insiste) che lo rende ancora più isolato.

LA VISITA ISTITUZIONALE. A visitare il centro ci ha pensato questa mattina il consigliere comunale Gianluca Peciola, che al termine dell’appuntamento ha constatato che «l’emergenza non è finita, sono ancora in corso gli interventi di ripristino per i danni subiti. E’ una situazione ancora molto precaria per i rifugiati e richiedenti asilo politico ed è in corso la riorganizzazione del funzionamento della struttura. Nonostante la drammatica situazione di questi giorni, gli operatori e i rifugiati con coraggio hanno contrastato l’allagamento, seppur dotati di mezzi insufficienti. Il Cara di Castelnuovo di Porto è un luogo strutturalmente disumano».

CATEGORIE DEBOLI. La difficoltà nasce dal fatto che tra gli ospiti del centro non ci sono solo giovani immigrati ma anche persone appartenenti a categorie deboli. «Nel Cara – ha spiegato Pericola – sono presenti mamme con bambini anche molto piccoli, che non possono rimanere nella struttura in quelle condizioni, devono essere trasferiti in luoghi più adatti». «Come ho potuto verificare nel corso del sopralluogo, reso possibile grazie alla disponibilità della Prefettura nonostante il poco preavviso della visita, sono evidenti i segni del sovraffollamento e le stanze che ho potuto vedere sono in condizioni fatiscenti». Anche per loro si attendono interventi rapidi per ripristinare almeno le condizioni di vita precedenti all’alluvione.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI CINQUE QUOTIDIANO

[wpmlsubscribe list=”9″]

È SUCCESSO OGGI...

telecamere di videosorveglianza sicurezza fiumicino

Sicurezza, Regione Lazio: «Inviato solo ora, a bando scaduto, il progetto del Comune di...

“In merito al Bando sulla Videosorveglianza la Regione Lazio non ha alcuna volontà di fare polemica ma semplicemente di ristabilire la verità dei fatti. Quindi, in riferimento alla nota del Comune di Roma si...

Violenza sulle donne, il Campidoglio punta sulla videosorveglianza

"Ribadisco il concetto che il tavolo ha avuto la funzione di fare la ricognizione dell'esistente e metterlo a sistema. Forse non è stato ben comunicato finora ma quel che abbiamo a disposizione è tanto"....
Sgombero Polizia Locale Roma

Scoperto a rovistare nel cofano di un’auto: un arresto al Quadraro

Ieri pomeriggio una pattuglia della Polizia Locale ha arrestato per rapina C.E., cittadino italiano di 54 anni, residente a Roma. Gli agenti sono stati chiamati in via Opita Oppio, zona Quadraro, dove intorno alle 18:00...

Atac, assicurata attività di sorveglianza nelle stazioni della metropolitana

In relazione a notizie di stampa che paventano l'interruzione del servizio di sorveglianza svolto dalle unità cinofile in alcune stazioni metro, Atac precisa che questo ​è solo uno degli strumenti impiegati quotidianamente dalla Security...

Blocco Studentesco Ostia: striscione alla stazione di Acilia contro il sindaco Raggi

“Un altro anno scolastico tra le macerie, Raggi incompetente!” Questa è la frase dello striscione affisso dal Blocco Studentesco all'entrata della metro di Acilia. All'inizio del nuovo anno persistono i vecchi problemi legati all'edilizia...