Maltempo, al Cara di Castelnuovo mamme e bimbi in condizioni difficili

Una parte degli 800 rifugiati e richiedenti asilo appartengono a categorie fragili. 80 i minori nella struttura

0
200

Con 800 rifugiati e richiedenti asilo politico, di cui 80 minori il Centro CARA di Castelnuovo di Porto è una delle realtà sociali più colpite dall’alluvione del fiume Tevere. Ma la sua condizione i centro di accoglienza lo rende anche uno dei luoghi “dimenticati”, in un limbo tra Roma e l’abitato di Castelnuovo di Porto (sul cui territorio il centro insiste) che lo rende ancora più isolato.

LA VISITA ISTITUZIONALE. A visitare il centro ci ha pensato questa mattina il consigliere comunale Gianluca Peciola, che al termine dell’appuntamento ha constatato che «l’emergenza non è finita, sono ancora in corso gli interventi di ripristino per i danni subiti. E’ una situazione ancora molto precaria per i rifugiati e richiedenti asilo politico ed è in corso la riorganizzazione del funzionamento della struttura. Nonostante la drammatica situazione di questi giorni, gli operatori e i rifugiati con coraggio hanno contrastato l’allagamento, seppur dotati di mezzi insufficienti. Il Cara di Castelnuovo di Porto è un luogo strutturalmente disumano».

CATEGORIE DEBOLI. La difficoltà nasce dal fatto che tra gli ospiti del centro non ci sono solo giovani immigrati ma anche persone appartenenti a categorie deboli. «Nel Cara – ha spiegato Pericola – sono presenti mamme con bambini anche molto piccoli, che non possono rimanere nella struttura in quelle condizioni, devono essere trasferiti in luoghi più adatti». «Come ho potuto verificare nel corso del sopralluogo, reso possibile grazie alla disponibilità della Prefettura nonostante il poco preavviso della visita, sono evidenti i segni del sovraffollamento e le stanze che ho potuto vedere sono in condizioni fatiscenti». Anche per loro si attendono interventi rapidi per ripristinare almeno le condizioni di vita precedenti all’alluvione.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI CINQUE QUOTIDIANO

[wpmlsubscribe list=”9″]

È SUCCESSO OGGI...

Emergenza idrica, opposizioni chiedono audizione di Raggi e Acea in aula

La crisi idrica in corso e le prossime misure per affrontarla richiedono un'assunzione di responsabilità da parte della sindaca e dei vertici di Acea. Per questa ragione 10 consiglieri del Pd Fratelli d’Italia e il...

Ericsson licenzia circa 200 persone. In corso presidio dei lavoratori davanti alla sede dell’azienda

"Venerdì sera la Ericsson ha fatto recapitare ai lavoratori circa 200 lettere di licenziamento. Semplicemente una vergogna". Così, in una nota, Riccardo Saccone, segretario generale della Slc Cgil di Roma e del Lazio, che...

Roma, 21enne estorceva denaro alla madre con continue minacce

Con problemi legati al consumo di cocaina da anni costringeva la madre e la sorella, a consegnargli  svariate somme di denaro. Durante uno degli ultimi episodi, il giovane, di 21 anni, dopo aver spinto la...

Omicidio, procura di Roma indaga su aggressione a una coppia

La Procura di Roma sta indagando sull'aggressione alla coppia di italiani in Kenya che ha causato la morte della donna e il ferimento grave del marito. A quanto si apprende i pm romani stanno procedendo...

Controlli antidroga a Portuense: 3 persone arrestate e denaro sequestrato

Investigando negli ambienti della droga del quartiere Portuense, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Trastevere hanno arrestato 3 persone per reati inerenti gli stupefacenti, sequestrando centinaia di dosi di droga e oltre...