Sanità, elisoccorso San Camillo: necessari sette giorni di lavori

Chiarimento da parte di Ares 118: l'intervento necessario ad adeguare la postazione all'atterraggio notturno, finora possibile solo al Gemelli

0
265

In merito alle notizie stampa riguardanti la chiusura dell’elisuperficie dell’Ospedale San Camillo, la direzione aziendale di ARES 118 dichiara quanto segue. I lavori sull’elisuperficie del San Camillo, riguardanti l’adeguamento della pavimentazione e la modifica dell’impianto di illuminazione, sono iniziati questa mattina. Gli interventi si sono resi necessari per estenderne l’operatività in H24, dotando quindi la città di Roma di un secondo DEA di II Livello dove poter atterrare nelle ore notturne: finora c’era solo il Gemelli.

DIECI GIORNI DI LAVORO – In particolare, l’adeguamento della pavimentazione richiederà 5/7 giorni di lavori, al termine dei quali l’elisuperficie verrà riaperta al volo diurno. Entro altri 5 giorni, saranno ultimati gli interventi all’impianto di illuminazione, rendendo così la piazzola abilitata al volo notturno.
Lo svolgimento dei lavori non comporterà alcuna diminuzione della capacità assistenziale del servizio di elisoccorso. Nel periodo indicato, infatti, le eliambulanze di ARES 118 atterreranno su tutte le altre elisuperfici presenti negli ospedali romani e, se si dovesse rendere necessario un trasporto aereo al
San Camillo, l’elicottero potrà atterrare sulla elisuperficie del CTO (come già avveniva da tempo per le ore notturne), dove verrà effettuato un rendez-vous con ambulanza che trasporterà il paziente al nosocomio di circonvallazione Gianicolense.

AMPLIAMENTI NECESSARI – I lavori presso l’ospedale San Camillo rientrano in una importante operazione di ampliamento del numero di elisuperfici abilitate al volo notturno, da realizzarsi prioritariamente presso i DEA di II livello e gli ospedali dei capoluoghi provinciali. Operazione prevista dalle linee strategiche aziendali, in accordo con i Progetti Operativi della regione Lazio di cui ai Decreti del Commissario ad Acta. Non si capisce quindi quale sia l’utilità di creare allarmismi, distorcendo la realtà dei fatti e paventando diminuzioni di capacità assistenziale, rispetto ad un intervento importante che migliorerà il servizio sanitario della nostra regione, contribuendo ad un rafforzamento della risposta di ARES 118 ai bisogni dei cittadini del Lazio.

[form_mailup5q]

È SUCCESSO OGGI...

Tivoli, trovato cadavere carbonizzato in un camper

Macabro ritrovamento alle porte di Roma. Alle prime ore dell'alba all'altezza di via Tiburtina (SR5) 150, a Tivoli è stato rinvenuto il cadavere di un uomo carbonizzato. La scoperta è stata fatta dai Carabinieri durante...

Ladispoli, in piazza Rossellini a tutta musica

Sabato 19 e domenica 20 agosto in piazza Rossellini è di scena la musica con due eventi sponsorizzati da McDonald's. Si inizia il 19 agosto con “Soundtracks”, un concerto, diretto da Franco Pierucci,  in cui...

Drammatico incidente, i familiari di Romolo Antonio Scardella cercano testimoni

Com’è successo l’incidente stradale costato la vita il 5 agosto scorso a Romolo Antonio Scardella? I familiari dell’anziano, 86 anni, di Roma, lanciano un appello alla ricerca di testimoni, con particolare riferimento a un...

Molesta la ex con messaggi e telefonate: sequestrato un arsenale

È finito con la denuncia a piede libero per atti persecutori del suo aguzzino e con il sequestro di 2 fucili, 2 pistole e una balestra completa di frecce, l’incubo di una barista romana,...

Roma, movida sotto la lente dei carabinieri: arresti e multe salatissime

Non conosce sosta l’attività di prevenzione e controllo svolta dai Carabinieri di Roma nelle zone della cosiddetta Movida. Sono molti, infatti, i servizi orientati nelle zone maggiormente frequentate da chi - romani e turisti –...