Ebola, bimba lasciata fuori scuola: bufera a Fiumicino

L'azione shock di alcune mamme. Il ministro Lorenzin: «Allarme ingiustificato»

0
183

Lasciata fuori dalla scuola dalle mamme degli altri alunni perche” ”accusata” di poter portare l”Ebola. E” capitato in una scuola di Fiumicino a una bambina di 3 anni: Chanel. La piccola, di ritorno da una vacanza in Uganda insieme alla mamma e alla sorella, si e” vista sbarrare le porte da un gruppo di madri dei suoi compagni per la paura incontrollata del virus e un allarmismo diffuso al limite del razzismo. “Abbiamo passato giorni di angoscia- racconta in esclusiva a In terris il papa”, Massimiliano- Eppure non c”era alcun motivo reale per poter solo immaginare qualche rischio; l”unica spiegazione e” che venivamo dall”Africa. Ma l”Uganda non e” un Paese contagiato, e comunque prima di partire, esattamente il giorno prima, ho fatto fare alle mie figlie tutte le analisi necessarie a stabilire la loro totale buona salute. Non solo, ma mia figlia non ha avuto alcun sintomo particolare, ne” una febbre ne” un raffreddore. Cio” che e” accaduto e” pura follia…”. Le mamme hanno imposto una legge nuova: o lei, o gli altri; se Chanel fosse entrata in aula sarebbero usciti i suoi compagni di classe. Di piu”: i 21 giorni di incubazione della malattia sono stati presi come parametro per calcolare quando la piccola avrebbe potuto rioccupare il suo posto tra i banchi. Cosa avvenuta invece questa settimana grazie alla mediazione della preside, che pure aveva garantito da parte della scuola la possibilita” di entrare in classe, e che con la sua presenza ha fatto in modo di superare l”ostracismo che si era evidenziato.

IL MINISTRO – “Una bambina di tre anni di ritorno nel nostro Paese dall”Uganda non e” potuta tornare a scuola a causa delle proteste dei genitori dei suoi compagni di scuola allarmati da un possibile rischio di contrarre Ebola, il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha espresso solidarieta” alla famiglia della piccola e ha ricordato che l”Uganda non e” un Paese affetto ed e” molto lontano dalle zone del West Africa colpite dal virus. Il ministro ha inoltre ribadito che nel nostro Paese attualmente non c”e” stato nessun caso di Ebola, neanche d”importazione, che il rischio di contrarre la malattia e” basso e che queste forme di allarmismo sono assolutamente ingiustificate”. E” quanto si legge in una nota del ministero della Salute.

IL SINDACO – “Ho parlato con la dirigente del plesso scolastico statale di Isola Sacra, che mi ha rassicurato sul fatto che, compiute le dovute verifiche, comprese quelle relative ai protocolli internazionali aeroportuali, le porte della scuola materna di via Coni Zugna sono sempre rimaste aperte per tutti i bambini, inclusa la piccola tornata dal viaggio in Uganda. Come rappresentante delle istituzioni sento il dovere di lanciare un appello per impedire che timori o paure ingiustificate, soprattutto su temi che riguardano la salute pubblica, sfocino in ostracismi e discriminazioni. Da ulteriori informazioni risulta, tra l”altro, che non ci siano stati blocchi o impedimenti che abbiano ostacolato il rientro della bambina a scuola”. Lo dichiara il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino.

[form_mailup5q lista=”fiumicino”]

È SUCCESSO OGGI...