Sciopero generale il 25, atteso a Roma un milione di persone

Presentato oggi dal segretario generale Susanna Camusso l'impegno del sindacato per la manifestazione del 24. Le stime del sondaggio Tecnè

0
281

Sono 1 milione le persone pronte a partecipare alla manifestazione di Roma della Cgil di sabato 25 ottobre. È la stima sulle intenzioni dell’istituto Tecnè che ha realizzato un sondaggio commissionato dalla Cgil e dall’associazione Bruno Trentin. Secondo l’indagine dell’istituto c’è largo consenso alle proposte anche fuori dal perimetro degli iscritti al sindacato guidato da Susanna Camusso. Oggi alla presentazione dell’evento ha parlato il segretario generale Susanna Camusso. “Siamo convinti che sarà una grande manifestazione, c’è una grande attenzione che va ben oltre i nostri iscritti. Sabato sarà l’inizio di una stagione di mobilitazione perché non ci rassegniamo al fatto che la strada per l’uscita dalla crisi sia quella della riduzione dei diritti”.

SUSANNA CAMUSSO – La leader della Cgil, Susanna Camusso, appare certa della riuscita della piazza del 25 ottobre con lo slogan ”Libertà, Dignità, Uguaglianza. Per cambiare l’Italia” e cita ad esempio la “difficoltà a trovare pullman per portare i manifestanti a Roma, li stiamo cercando all’estero” e i problemi a portare nella capitale i lavoratori del Sud a causa della “riduzione del servizio ferroviario”. Ma non chiedetele che numeri si aspetta. Perché i 3 milioni del circo massimo “non sono paragonabili”. In mezzo “ci sono 7 anni di crisi e 3 milioni di disoccupati”. E poi “da tempo non diamo più i numeri, non ci appassionano”. Gli unici numeri forniti dalla Cgil sono quelli delle prenotazioni. Il segretario organizzativo Nino Baseotto spiega che a venerdì sera “sono state effettuate 12 mila assemblee.

3500 INIZIATIVE – Oltre 3.500 iniziative nel territorio. Abbiamo prenotato 2.300 pullman, 7 treni straordinari, una nave dalla Sardegna per un totale di 120 mila prenotazioni, escluso il Lazio che darà un contributo importante. L’esperienza ci dice che gli ultimi giorni sono importanti: già stasera avremo un dato più alto”.I cortei saranno due con partenza verso le 9.30 da piazza della Repubblica e piazzale Partigiani e sono state concordate con il Comune di Roma 20 aree di parcheggio. Il corteo di piazza della Repubblica sarà composto dai lavoratori provenienti da Abruzzo, Basilicata, Emilia Romagna, Liguria, Marche, Molise, Puglia, Sardegna, Toscana, Trentino. Da Piazzale dei Partigiani partiranno quelli provenienti da Alto Adige, Calabria, Campania, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Piemonte, Sicilia, Umbria, Valle d”Aosta, Veneto.

MODENA CITY RAMBLERS – L’accompagnamento musicale è affidato ai Modena City Ramblers. Dal palco interverranno anche studenti precari, poi il comizio conclusivo della leader Susanna Camusso. La manifestazione terminerà attorno alle 14. “La vera preoccupazione che è in testa alle persone si chiama lavoro, a partire dal lavoro che manca”, sottolinea Camusso ribadendo che la legge di stabilità “non cambia il quadro rispetto all’occupazione. Il governo per la Cgil mira a “abbassare i salari senza creare lavoro, se le stesse stime dell’esecutivo indicano un tasso di disoccupazione nel 2018 dell’11,2%. “Il problema- conclude- è che gli investimenti pubblici e privati si sono azzerati e senza investimenti non si esce dalla crisi”.

È SUCCESSO OGGI...