Frana a Casalotti, ancora chiusa via della Maglianella

0
92

Sono trascorse quasi tre settimane dalla violenta alluvione abbattutosi sulla Capitale il 31 gennaio, isolando per giorni interi quartieri, eppure ancora oggi i residenti di Casalotti denunciano strade devastate dalle buche, rifiuti ingombranti abbandonati ma soprattutto la chiusura di via della Maglianella a causa di una frana. A cedere è stata una collina, provocando non solo il blocco dell’ingresso per il GRA, ma soprattutto ha mandato in tilt la viabilità del quartiere, già chiuso di consueto nella morsa del traffico.

INTERVENTI TARDIVI – Inutile ormai pensare che il disastro si sarebbe potuto evitare o meno, anche se in molti hanno ricordato l’alto rischio esondazione presente nella zona Pantan Monastero. Il quartiere ora deve riuscire a rialzarsi. Eppure le forze messe in campo anche stavolta sono state tardive e spesso inadeguate, provocando ulteriore caos nella zona colpita.  I lavori di messa in sicurezza della collina franata, sono partiti solo dieci giorni dopo il disastro, con la deposizione dei primi blocchi a protezione della strada.

LE RASSICURAZONI DEL MUNICIPIO – Intanto il presidente del Municipio XIII, Valentino Mancinelli, tenta di rassicurare i cittadini promettendo una riapertura della strada, in entrambi i sensi di marcia, nel giro di pochissimi giorni. La snervante attesa dei residenti di Casalotti, dovrebbe giungere al termine a breve.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI CINQUE QUOTIDIANO

[wpmlsubscribe list=”9″]