Torpignattara, degrado tra sporcizia e siringhe nei cantieri

0
171

Torpignattara specchio dell’Italia. Dalle segnalazioni degli abitanti della zona di Roma in questione, facente parte del VI° Municipio capitolino, deriva questa tanto sconcertante quanto veritiera conclusione. E le segnalazioni di disagio nella zona non sono poche. A destare preoccupazione e togliere decoro a Torpignattara è, in questo caso, la situazione di due cantieri stradali completamente abbandonati a loro stessi, dopo la partenza dei lavori.

VIA ALÓ GIOVANNOLI – Il caso più grave è quello di via Alò Giovannoli (ritratto in foto, pubblicata sulla pagina Facebook del CdQ Torpignattara). In questo tratto i lavori di edificazione sono partiti a inizio 2001 e dopo poco tempo il progetto è stato lasciato all’abbandono. In due anni le condizioni del cantiere sono peggiorate molto: all’interno della zona delimitata per i lavori ci sono siringhe, cartacce, calcinacci, melma e rifiuti di ogni genere. E la rabbia dei cittadini si è scagliata contro l’amministrazione del municipio, il quale a sua volta ha scaricato la responsabilità sulla compagnia edificante che non risponde alle sollecitazioni. E nonostante le segnalazioni alla Asl la situazione non è cambiata.

CANTIERE MISTERIOSO – L’altro caso di lavori abbandonati a Torpignattara riguarda il cantiere tra via Perestrello e via Tempesta: sempre secondo segnalazioni degli abitanti, lo stabile è lasciato all’abbandono totale, tra sporcizia, degrado e paludosità del terreno formatasi a causa del maltempo invernale. Il cartello di fine lavori recita “31/12/2013” ma le operazioni non sono affatto terminate. Anzi, sono sospese.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI CINQUE QUOTIDIANO

[wpmlsubscribe list=”9″]