Differenziata, disastro da San Pietro a Ponte di Nona

0
108

Da quattro giorni in Municipio XIII, da San Pietro a Casalotti, è emergenza rifiuti. Il superamento di Malagrotta richiede sicuramente tempo perché si possa andare a regime ma la nuova raccolta differenziata stradale presenta un evidente deficit di sistema.

I cassonetti per l’indifferenziato e per la carta sono regolarmente stracolmi e i rifiuti in terra  in adiacenza ai cassonetti stessi  non vengono rimossi e stazionano per giorni. Il chiaro risultato di una frequenza di passaggio insufficiente e di un mancato coordinamento con quanti sono destinati a pulire le piazzole che ospitano le batterie.

«Il prossimo avvio di questo nuovo sistema anche in altri Municipi lascia immaginare, se non si adotteranno misure correttive immediate, che la situazione sia destinata a peggiorare nelle prossime settimane – commenta in una nota il presidente Valentino Mancinelli. L’AMA intervenga immediatamente ripristinando livelli minimi di decoro e corregga un sistema, lanciato in campagna elettorale dalla precedente Giunta, senza un’adeguata informazione e con una carenza strutturale di uomini e mezzi, che sta dimostrando di non reggere. Bene il sindaco Marino – aggiunge –  nella richiesta di dimissioni di un vertice dell’azienda che sta dimostrando sul campo il suo fallimento».

Una situazione quella del Municipio XIII molto simile a quella di via Ardeatina e Ponte di Nona. Qui è stata completata la sostituzione dei cassonetti, ma il vero nodo è che non si capisce ancora se si tratta di una raccolta porta a porta o di un servizio stradale. Sul caso sono già pronte due interrogazioni. Per ora da Ama tutto tace