Roma: lei incinta di un altro, lui la picchia per farla abortire

0
50
 

Picchiata a sangue per procurarle un aborto. È la storia ragazza bulgara di 23 anni aggredita a due passi da un supermercato di via Laurentina, a Roma, sequestrata, portata in un campo e fatta bersaglio di un violento pestaggio. Provvidenziale, per la giovane, è stato l'intervento di un maresciallo del nucleo radiomobile di Roma, libero dal servizio.

La vittima era stata incolpata dai suoi aguzzini, l'ex fidanzato e padre dei suoi due bimbi, e un complice, entrambi connazionali di 26 e 28 anni, di essere la sola responsabile della fine della storia d'amore, conclusa due anni fa, di aver affidato temporaneamente i figli ai suoi genitori in Bulgaria e, soprattutto, di aspettare un bambino da un altro uomo, anch'egli bulgaro, con il quale la 23enne aveva, nel frattempo, iniziato una relazione.

Così, nella tarda serata di due giorni fa, è scattata la rappresaglia: i due bulgari hanno atteso la ragazza in strada ed hanno tentato di bloccarla per la prima volta senza riuscirci. A quel punto, la vittima ha iniziato a correre in direzione di un vicino supermercato per chiedere aiuto, ma i suoi aguzzini l'hanno raggiunta e portata di peso in un vicino campo dalla folta vegetazione.  Fortunatamente un maresciallo del Nucleo radiomobile di Roma, in quel momento libero dal servizio, che si trovava nei pressi del supermercato, ha sentito le urla della ragazza e, tenendo sotto controllo la situazione, ha immediatamente chiesto l'aiuto di altre pattuglie. Il militare è intervenuto poco prima che la donna, ormai soggiogata e a terra, fosse brutalmente picchiata per procurarle un aborto. I due stranieri, colti di sorpresa, si sono dati alla fuga a piedi: il primo è stato bloccato dal militare dopo un lungo inseguimento, l'altro è stato intercettato da una delle gazzelle nel frattempo intervenute sul posto.

Gli aggressori sono stati portati nel carcere di Regina Coeli, a disposizione dell'autorità giudiziaria di fronte alla quale dovranno rispondere di tentato sequestro di persona e lesioni personali in concorso. L'ex fidanzato, in particolare, ha detto che le sue intenzioni, una volta procurato l'aborto alla ragazza, erano di costringerla a tornare con lui in Bulgaria per riallacciare quel rapporto interrotto due anni fa. Per la vittima, fortunatamente, solo un grande spavento e qualche graffio: il bimbo che aspetta non corre pericoli.

È SUCCESSO OGGI...

incidente guidonia

Scontro a Ladispoli: traffico in tilt

Luceverde segnala un incidente sull'A12 Roma-Civitavecchia fra Torrimpietra e Svincolo di Cerveteri-Ladispoli in direzione Civitavecchia. Lunghe le code in zona, sul posto le squadre di soccorso. (foto d'archivio)

Abbattimento barriere architettoniche a Pomezia, lunedì 29 maggio partono i lavori in via Varrone

Si comunica che lunedì 29 maggio partiranno i lavori per la messa in sicurezza dell’attraversamento pedonale di via Varrone, in prossimità dell’incrocio con via Boezio. “L’intervento – spiega l’Assessore Federica Castagnacci – prevede la demolizione...

Marra Scarpellini, prima udienza a Roma

Udienza dedicata alle questioni preliminari, con riserva di pronunciamento da parte del tribunale, quella di oggi al processo che vede imputati l'ex capo di Gabinetto del Campidoglio Raffaele Marra, oggi apparso visibilmente dimagrito, e l'immobiliarista Sergio...
Controlli dei Carabinieri auto notte movida

Roma, sequestrati oltre 100 chili di droga da parte dei carabinieri

Nel tardo pomeriggio di ieri, in località Casal Monastero, i Carabinieri della Stazione di Settecamini hanno arrestato 3 romani, 22, 31 e 37 anni, tutti già noti alle forze dell’Ordine, con l’accusa di detenzione...

Insospettabile spacciava in casa: arrestato 39enne

15.000 euro in contanti suddivisi e ordinati in banconote da 50: è quanto hanno trovato i cinofili e gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Esposizione, nell’appartamento di un romano di 39 anni. Da...