Sequestrata area golenale a Fiumicino

0
29
 

Sequestrata un’area golenale di 15.000 mq presso un cantiere navale del comune di Fiumicino dove è stata ritrovata un’enorme discarica e dove i militari della guardia costiera hanno rilevato gravi violazioni in materia di sicurezza sul lavoro.

In questa macroarea si trovavano infatti dei capanni adibiti a dormitorio per i dipendenti vicini a quelli per il deposito dei materiali di cantiere, ai laboratori di tappezzeria nautica, falegnameria e alla zona destinata ad accogliere i rifiuti a cielo aperto. E’ stata così portata a termine un’importante operazione volta alla tutela del patrimonio ambientale e alla repressione degli illeciti in materia ambientale e sicurezza sui luoghi di lavoro dalla capitaneria di porto in collaborazione con la polizia di Fiumicino, con gli ispettori del lavoro della Asl RmD, con i vigili del fuoco del Nucleo nucleare, biologico, chimico e radiologico e con i tecnici dell’Arpa.

Oltre al deposito abusivo di materiale plastico, dove si trovavano anche scarti di vetroresina, gommapiuma e materiale tessile di vario genere, a residui della lavorazione di falegnameria e ferramenta, fusti di vernici, bombole del gas e materiale edile vario, sono stati rinvenuti dei bidoni che erano stati “opportunamente” nascosti nel terreno contenenti sostanze che inizialmente non sono state prelevate e isolate a causa della difficoltà a poterle dissotterrare. Il responsabile è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Civitavecchia per abbandono e deposito incontrollato di rifiuti e violazioni della normativa vigente sulla sicurezza negli ambienti di lavoro.

Maria Grazia Stella