Roma: Ignazio Marino è il nuovo sindaco

0
20
 

Ormai è fatta. E' lui il nuovo sindaco della Capitale. A Roma, infatti, il candidato del centrosinistra Ignazio Marino, è in testa con il 63,80%, rispetto al concorrente al ballottaggio, il sindaco di centrodestra uscente, Gianni Alemanno, fermo al 36,20%. Lo attestano i dati del Viminale dopo lo scrutinio di 1.529 sezioni su 2.600. ''Ringrazio tutti gli elettori che nonostante una campagna elettorale molto difficile hanno deciso di andare a votare'' ha detto Gianni Alemanno, commentando l'esito delle elezioni per il Campidoglio dal suo Comitato e sottolineando che la campagna ''non è bastata per riannodare questo rapporto tra i romani cittadini e la politica''.

''C'è un dato complessivo del centrodestra che non pare essere positivo quindi credo che la riflessione debba essere ampia, perchè dal punto di vista amministrativo con Roma il centrodestra perde l'ultimo sindaco importante che aveva in Italia. Quindi la riflessione va fatta su Roma e a livello nazionale per comprendere quali risposte dare''. ''Roma ha voluto voltare pagina, ha voluto riaccendere una nuova luce, una luce che aveva smarrito e che dopo cinque anni bui di Alemanno e della destra, torna sulla citta' che ora va ricostruita''. Cosi' il segretario del Pd Lazio, Enrico Gasbarra.

''La vittoria bellissima di Ignazio Marino, delle forze politiche, delle energie civiche che lo hanno sostenuto, che hanno avuto la maturità di costruire un grande progetto, e saputo con umiltà, fare passi indietro per il bene di una città in grande crisi, è un altro straordinario obiettivo centrato dal Pd. E' la vittoria dei romani, così – aggiunge Gasbarra – come dei nostri militanti, dei volontari e dei circoli, degli eletti e dei dirigenti locali che voglio ringraziare così come i consiglieri capitolini uscenti, e Marco Miccoli per il grande lavoro fatto in questi anni ed Eugenio Patanè per la gestione in quest'ultima fase. Ora, tutti insieme, subito al lavoro per Roma, per far rialzare la Capitale del Paese e per sostenere l'azione del sindaco Ignazio Marino. Ci sarà tanto, tantissimo da fare, ma lo dobbiamo ai romani – conclude Gasbarra – ai tantissimi giovani che non hanno un futuro, ma anche al nostro Paese che da Roma può riaccendere il motore per ripartire''. (asca)