Sfregiò infermiere in strada: si costituisce a Vibo Valentia

0
29
 

Aveva lanciato dell’acido muriatico sul volto e sul torace di un infermiere di 32 anni che si trovava alla fermata del trenino che passa per Torpignattara ed era scappato. L’aggressore, Salvatore Lo Piccolo, si è costituito ieri a Vibo Valentia.

L’attacco era avvenuto martedì 30 aprile in pieno giorno, quando la banchina era piena di gente in attesa del mezzo pubblico. Era rimasta ferita anche una collegha della vittima, colpita al braccio. Il ragazzo fu ricoverato d’urgenza prima al vicino ospedale Vannini con dieci giorni di prognosi, poi al Sant'Eugenio per ustioni al volto.

Il primo giugno era già stata arrestata Simona Cristiano, ex fidanzata dell'infermiere e mandante del gesto, ora accusata di persecuzione e lesioni. La vittima in passato aveva denunciato casi di stalking da parte della donna.

Ora a trovarsi nei guai è anche il complice della donna accusato di concorso in stalking e di lesioni. L’uomo è un calabrese imparentato con esponenti di un clan 'ndranghetista ed era già finito agli “onori” della cronaca in passato per aver tentato di strangolare la moglie.