Caos Rom, sospeso il trasferimento a Torre Maura

0
17
 

È stato sospeso il trasferimento, in corso da questa mattina, di circa 350 nomadi dall'ex cartiera sulla via Salaria, nel III Municipio (ex IV), a via dei Codirossoni, nel quartiere di Torre Maura.

I rom avrebbero dovuto occupare una struttura dell'ex azienda ospedaliera San Giovanni dell'Addolorata, gestita dall'Arciconfraternita del Santo Sacramento e di San Trifone.

A bloccare l'operazione sono stati il sindaco Alemanno e il presidente in carica dell'VI Municipio (ex VIII), Massimiliano Lorenzotti. "Mi sono rivolto al sindaco e lui ha acconsentito – ha spiegato Lorenzotti all'agenzia Dire – perché questo municipio è già bersagliato. In via di Salone abbiamo il campo nomadi più grande d'Europa. Non è possibile continuare". E ha concluso: "Al momento non è arrivato nessuno, ma se dovessero riprovare a portare qualcuno ci opporremo ancora una volta". 

Appresa la notizia, i residenti di via Salaria sono accorsi davanti all'ex cartiera per manifestare il loro dissenso. Con loro il presidente del municipio, Cristiano Bonelli, avvertito da una telefonata. "Sono stato chiamato dai cittadini non appena è giunta la notizia della sospensione del trasferimento dalla ex cartiera – ha raccontato Bonelli – Ci era stato promesso che oggi finiva tutto ed oggi deve finire tutto. Non voglio più aspettare un'ora. Sono stato paziente nel tollerare questa situazione che ha comportato degrado. Quindi oggi si chiude. I cittadini sono inviperiti. Al momento stanno decidendo cosa fare ma noi qui vogliamo rappresentare il disagio dei cittadini. Per la ex cartiera abbiamo dei progetti che prevedono in questa struttura delle cooperative e delle postazioni fisse dei vigili urbani. Abbiamo fretta di voltare pagina. Siamo stati pazienti e adesso la storia finisce".