Stupri, furti e mazzette: poliziotti in manette

0
42
 

Quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di altrettanti dipendenti della polizia di stato. Si tratta di due ispettori, un sovrintendente e un assistente in servizio presso la questura di Roma. Stamattina la squadra mobile ha eseguito gli arresti dopo le ordinanze emesse dalla sezione di polizia giudiziaria del Tribunale.

I reati contestati dalla procura della Repubblica di Roma sono violenza sessuale, corruzione, falso e furto. In particolare, gli appartenenti alla polizia di Stato sono ritenuti responsabili di aver trafugato, negli anni 2009 e 2010, quando prestavano servizio presso la squadra Mobile, somme di denaro ad alcuni commercianti stranieri e di aver preteso elargizioni in cambio di mancate denunce. Le accuse di stupro riguarderebbero invece violenze sessuali ai danni di prostitute.