Con un taglierino colpì alla gola rivale in amore: arrestato

0
24
 

Un cittadino romeno di 41 anni, pregiudicato, è stato arrestato dai carabinieri della stazione Roma Tiburtino III con l’accusa di tentato omicidio ai danni di un connazionale. L’uomo, nelle prime ore del 27 febbraio scorso, nei pressi del mercato rionale di via Casal dei Pazzi, vedendo passare in auto la sua ex fidanzata con il nuovo compagno 24enne, è andato su tutte le furie. Sono partiti i primi pesanti insulti, di fronte ai quali a nulla sono valsi i tentativi della ragazza di far calmare il connazionale. A quel punto, il nuovo fidanzato della giovane è sceso dall’auto per difendere l’onore della sua compagna: un attimo dopo, però, il 41enne, afferrato un taglierino che aveva con sé, gli ha sferrato un fendente che lo ha colpito al collo, tra la vena giugulare e l’arteria carotidea. Il giovane romeno è caduto a terra privo di sensi e in un lago di sangue.

L’aggressore, subito dopo il ferimento, ha messo in atto un comportamento a dir poco incomprensibile: invece di scappare, si è seduto tranquillamente su un vicino muretto dal quale si è goduto la scena sorseggiando tranquillamente del vino insieme a suo fratello. La vittima, è stata poi trasportata d’urgenza al “Sandro Pertini” grazie alla tempestiva telefonata al “118” fatta dalla fidanzata. Il 24enne è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico che, fortunatamente, gli ha salvato la vita.

L’episodio è stato denunciato solo diversi mesi dopo dalla ragazza per paura di subire ulteriori ritorsioni da parte del suo ex. I carabinieri della Stazione Roma Tiburtino III, ricostruito l’accaduto, hanno richiesto all’autorità giudiziaria l’emissione di una misura cautelare in carcere nei confronti del 41enne, provvedimento che è stato concesso nella serata di ieri e subito dopo notificato all’interessato nel carcere di Regina Coeli, dove è detenuto per altri motivi.

Durante la perquisizione scattata nell’abitazione del cittadino romeno i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato tre taglierini, che saranno analizzati per verificare qual è quello collegato al ferimento del connazionale.