Assalto a furgone portavalori, nuova ordinanza di custodia cautelare per Soldani

0
26
 

I carabinieri del nucleo investigativo di Roma hanno notificato una nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale di Roma con l’accusa di omicidio, a Manlio Soldani, la guardia giurata di 39 anni responsabile della tentata rapina al furgone portavalori della società Coopservice avvenuta il 15 ottobre scorso in via dei Carafa, alla Pisana. L’uomo fu identificato dai carabinieri durante le indagini scattate subito dopo il grave fatto.

Arrestato il 24 ottobre dello scorso anno, Soldani fu portato nel carcere di Regina Coeli. Nel conflitto a fuoco che si scatenò durante l’azione criminale, rimase ferito gravemente il collega di Soldani, Salvatore Proietti di 55 anni, che, ricoverato all’ospedale San Camillo in pericolo di vita, morì il 5 dicembre seguente a causa delle ferite riportate nell’agguato.

La morte di Proietti ha aggravato la posizione di Soldani che ora dovrà rispondere di omicidio e non più di tentato omicidio. Il gip del Tribunale di Roma ha così emesso la nuova misura cautelare che i militari hanno provveduto a notificare in carcere al 39enne.