Finiti i lavori di riqualificazione: largo Gancia ora è green

0
38
 

Giovedì in zona Prati si è svolta l’inaugurazione di largo della Gancia, evento organizzato per festeggiare la fine dei lavori di riqualificazione dello spiazzo: al centro dell’area, prima usata come parcheggio, sono state costruite due isole spartitraffico con fioriere, alberi e un ulivo, dedicato alla memoria di Maurizio Giglio, medaglia d’oro al Valor Militare ed eroe della Resistenza che ha vissuto proprio nel palazzo che si affaccia sulla piazza.

All’evento hanno partecipato il presidente del Municipio XVII Antonella De Giusti, alcuni consiglieri municipali e molti abitanti della zona. «Prima questa piazza era un parcheggio selvaggio, si rischiava di essere investiti – ha spiegato il consigliere Maurizio De Giusti – con l’aiuto dei cittadini è stato possibile ricostruirla e ricreare quel senso di condivisione che dovrebbe essere da esempio».

I residenti, in particolare quelli del comitato di via Borsieri, si sono impegnati a rendere la piazza più vivibile, come ha spiegato il presidente del Municipio Antonella De Giusti: «I cittadini hanno diritto a non vedere solo macchine dalle finestre. Per questo motivo sono state create queste isole spartitraffico con delle piante. I mezzi per la manutenzione, però, non ci sono, così gli abitanti hanno deciso di prendersene cura, innaffiandole a turno anche con la fontanella che in seguito verrà aggiunta. Io ho sempre cercato di coinvolgere la gente e di fare in modo che la loro casa non finisse all’uscio della loro porta».

I cittadini presenti hanno ringraziato il presidente ormai al termine del suo mandato: «Un grazie al Municipio per questi lavori – ha dichiarato un residente – noi amiamo e rispettiamo il nostro territorio e cerchiamo di dare l’esempio, cominciando col raccogliere le carte per terra». L’evento è stato anche teatro del passaggio di consegne tra Antonella De Giusti e Sabrina Alfonsi, candidata Pd alla presidenza del Municipio I (al quale è stato accorpato il XVII).

Annalisa Milanese