“Notte dei Musei”, sabato 6 ore no stop di eventi culturali

0
63
 

Musei e spazi culturali aperti al pubblico in orario serale, con tanti eventi dedicati ad arte, musica, danza, teatro, cinema, letture e visite guidate. Sabato prossimo torna a Roma 'La notte dei musei', iniziativa ad accesso libero e gratuito giunta alla sua quinta edizione. L'iniziativa è stata presentata oggi presso la sala Pietro da Cortona dei Musei Capitolini dall'assessore alle Politiche culturali di Roma Capitale, Dino Gasperini, dal direttore generale per la valorizzazione del patrimonio culturale del Mibac, Anna Maria Buzzi, dal presidente della camera di commercio di Roma, Giancarlo Cremonesi, dal sovrintendente Capitolino ai beni culturali Umberto Broccoli, dal presidente delle Biblioteche di Roma, Francesco Antonelli e da Francesco Marcolini, presidente di Zetema progetto cultura.

La manifestazione è promossa dall'assessorato alle Politiche culturali di Roma, dal Ministero per i beni culturali, in collaborazione con Camera di Commercio di Roma e con il partner speciale di quest'anno, 'Il Gioco del Lotto'. Per sabato sono previste 6 ore no stop di eventi culturali, che nella scorsa edizione hanno visto la partecipazione di 250mila persone. Dalle 20 fino alle 2 di notte (ultimo ingresso alle ore 01.00), saranno 100 gli spazi espositivi aperti al pubblico, dai musei alle biblioteche comunali, dagli istituti di cultura ai siti archeologici della città. Sarà possibile visitare gratuitamente oltre 30 mostre e assistere a concerti e altre iniziative, per un totale di 200 eventi circa.

"Torna ed è sempre più grande l'offerta culturale di questa iniziativa- ha detto Gasperini- peraltro lasciando invariati i fondi. E' stato fatto un miracolo: a fronte di una contrazione di 2,5 miliardi di euro non arrivati al Comune, abbiamo aumentato l'offerta culturale. La Notte dei musei è la nostra risposta alla inutile e generalista 'notte bianca', che qualcuno è tornato a vagheggiare". "Con questi eventi – ha continuato – cerchiamo di far sì che le persone, soprattutto i più giovani, tornino ad avvicinarsi all'unico verio patrimonio, all'unica vera risorsa che abbiamo in questo Paese e in questa città".

Sabato, ha aggiunto l'assessore, "la facciata del teatro Argentina verrà illuminata: dopo aver restaurato la facciata con un intervento importante, abbiamo deciso di valorizzare la nuova veste del teatro omaggiandolo con la luce, che è un linguaggio importante dell'architettura". Uno dei temi che verranno trattati sarà quello dell'usura: "La cultura – ha concluso Gasperini – è il principale veicolo di comunicazione, quindi è il miglior strumento per parlare di cose importanti come l'usura, raccontando il dramma di chi vive questo fenomeno".

"Sarà la grande festa della cultura popolare – ha detto Broccoli- La nostra linea d'indirizzo è semplice: i musei devono divertire, solo con una forma di divertimento avviene la conoscenza. I musei si devono sposare alle altre arti, e coniugare insiemi beni materiali come le sculture con beni immateriali come la poesia". Durante la conferenza di presentazione dell'iniziativa, c'è stata anche una contestazione: alcuni rappresentanti di Rifondazione comunisti italiani hanno infatti protestato perchè, secondo loro, "la sponsorizzazione di Finmeccanica, in quanto produttore di armi, alla manifestazione, va contro il regolamento comunale".