Acilia, è giallo: la ragazza uccisa a coltellate era già stata ricoverata 5 volte in 8 anni

0
57

Alessandra I., la 30enne trovata ieri sera riversa in un lago di sangue in via della Riserva del Pantano 28, tra Ostia e Acilia, e poi morta per ferite da taglio durante il trasporto in ospedale, negli ultimi otto anni si era recata diverse volte al pronto soccorso dell’ospedale Grassi.

Cinque gli accessi registrati della giovane donna tra il 2005 e il 2013, in almeno due casi per trauma cranico, che erano stati spiegati come incidenti stradali o domestici. L’ultimo il 15 marzo scorso per una “riferita” caduta mentre era alla guida del suo scooter.

In un altro caso si era fatta medicare ferite ad un piede, su cui le sarebbe caduta una batteria, e poi delle escoriazioni sulle mani.

Inoltre, a quanto si è appreso sempre da fonti sanitarie, la ragazza in passato era stata ricoverata tre volte nel reparto di psichiatria del nosocomio del litorale per motivi legati ad una depressione.

È SUCCESSO OGGI...

regione lazio

Regione Lazio, ok Standard&Poor. Zingaretti: «Ce l’abbiamo fatta»

Conferma di Standard&Poor`s sui conti in ordine @RegioneLazio è altra buona notizia per il Lazio. Sembrava impossibile, ce l`abbiamo fatta. Lo scrive sul suo profilo Twitter il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.   "La conferma...

Di Serio-Curcio, nuovo incontro con questore su Esquilino

"Ieri sera, insieme alle tante energie positive del rione Esquilino, abbiamo incontrato il questore Guido Marino per il secondo di una serie di incontri finalizzati a focalizzare ed affrontare le questioni di sicurezza del...

Ucciso altrove e abbandonato. L’identità e i dettagli dell’omicidio vicino Palestrina

Si chiamava Victor Istrate e aveva precedenti per reati contro il patrimonio il cadavere scoperto stamattina a Castel San Pietro Romano, a confine con Palestrina in via Facciata Soldati. La vittima è un romeno e risulta...

Trovato morto nel cortile di casa: giallo all’Eur

Si tinge di giallo la vicenda della morte Daniele Stoppello, avvocato da sempre vicino alla comunità Glbt ritrovato morto nel cortile del suo palazzo, in via Cesare Pavese. Sul caso che ha fatto il giro...

Roma, gli immigrati puliscono le strade e chiedono integrazione

C’è chi la solidarietà se la va cercando rendendosi utile socialmente e non elemosinando davanti ai negozi su postazioni ormai divenute fisse. Come nel caso che vogliamo citare oggi. Da un po di tempo...