Acilia, è giallo: la ragazza uccisa a coltellate era già stata ricoverata 5 volte in 8 anni

0
34

Alessandra I., la 30enne trovata ieri sera riversa in un lago di sangue in via della Riserva del Pantano 28, tra Ostia e Acilia, e poi morta per ferite da taglio durante il trasporto in ospedale, negli ultimi otto anni si era recata diverse volte al pronto soccorso dell’ospedale Grassi.

Cinque gli accessi registrati della giovane donna tra il 2005 e il 2013, in almeno due casi per trauma cranico, che erano stati spiegati come incidenti stradali o domestici. L’ultimo il 15 marzo scorso per una “riferita” caduta mentre era alla guida del suo scooter.

In un altro caso si era fatta medicare ferite ad un piede, su cui le sarebbe caduta una batteria, e poi delle escoriazioni sulle mani.

Inoltre, a quanto si è appreso sempre da fonti sanitarie, la ragazza in passato era stata ricoverata tre volte nel reparto di psichiatria del nosocomio del litorale per motivi legati ad una depressione.