Violenza sessuale, 18enne molestata su giostra Tagadà: in manette 40enne romeno

0
32
 

Aveva approfittato dei forti movimenti ondulatori e sussultori di una giostra, denominata “Tagadà”, dove le persone, per non cadere, sono costrette a tenersi con entrambe le mani a delle maniglie di sostegno, per molestare sessualmente una ragazza. Per questo un 40enne romeno è finito in manette.

Dopo le molestie, in lacrime e sotto shock, la vittima, 18 anni appena compiuti, che al momento dell’accaduto era in compagnia di una sua amica, si era avvicinata ad un equipaggio del reparto volanti, che stava effettuando dei controlli in viale Antonio di San Giuliano, nella zona di Ponte Milvio e, con le poche parole che era riuscita a dire, aveva spiegato ai poliziotti di essere stata vittima di una violenza sessuale mentre era sulla giostra.

Gli agenti, subito dopo il racconto della giovane, sono entrati nel parco dove erano sistemate le giostre, hanno individuato il sospetto, un cittadino romeno di 40 anni, e lo hanno bloccato. Poi, con l’aiuto di un'altra volante giunta in ausilio, lo straniero è stato accompagnato in commissariato mentre la ragazza, ancora sotto shock e dolorante in varie parti del corpo, è state accompagnate in ospedale da un’ambulanza. Solo dopo le cure dei sanitari, la giovane è riuscita a tranquillizzarsi e a spiegare agli investigatori i particolari dell’accaduto. Dopo aver fatto il biglietto era entrata nella giostra e si era seduta vicino alla sua amica.

Il Tagadà è una pedana circolare con posti a sedere tutti intorno dove le persone prendono posto e si tengono forte a delle maniglie di sostegno. Il gioco infatti, una volta partito, consiste in movimenti ondulatori e sussultori molto veloci che fanno sbalzare i partecipanti da una parte all’altra creando divertimento. Partita la giostra, l’uomo alla sua destra, consapevole della situazione cui sono costrette le persone, ne ha approfittato per palpeggiarla insistentemente nelle parti intime.

La giovane, ad un certo punto, pur di non sopportare più le angherie dell’individuo, ha lasciato le maniglie ed ha preferito cadere sulla pedana ancora in movimento, ma lo straniero, per niente rassegnato, si è lasciato andare anche lui, l’ha raggiunta ed ha continuato a palpeggiarla. Solo quando la giostra ha terminato di funzionare, la vittima è riuscita a liberarsi dalla presa dell’uomo che poi si è allontanato. Molto scossa, una volta uscita dal piazzale dove era situata la giostra, ha notato la macchina della polizia, si è avvicinata ed ha chiesto aiuto.

Lo straniero, identificato per V.B., in Italia senza fissa dimora e con numerosi precedenti di Polizia, a seguito della denuncia della vittima è stato arrestato e “spedito” a Regina Coeli.