San Camillo, al pronto soccorso 12 ore per un codice rosso

0
19
 

"L’indagine effettuata dalla Uil Fpl di Roma ha riprodotto i dati, assolutamente allarmanti, sulla permanenza del Pronto Soccorso Medico Chirurgico del San Camillo Forlanini confrontando il 2011 ed il 2012". Così in una nota il segretario Organizzativo della Uil Fpl di Roma Paolo Dominici. 

"I dati sulla permanenza nel Pronto Soccorso (ossia il tempo medio di permanenza in PS per i pazienti che vi rimangono per svariato tempo e/o il tempo che questi pazienti arrivano a trascorrere in Pronto Soccorso prima di trovare una sistemazione) per il 2012 ci presenta questa situazione – afferma – I Codici Rossi, che corrispondono a emergenza con accesso immediato alla sala, sono stati 2355 con una permanenza media che si aggira intorno ai 710 minuti, circa 12 ore; un peggioramento del +14,5% rispetto al 2011 che ha una media di 620 minuti.

I Codici Gialli che rappresentano le urgenze con criticità medio alta, sono stati 12.284 con una permanenza media che si aggira intorno ai 650 minuti, circa 11 ore; un peggioramento del +20% circa, rispetto al 2011 che presenta una media di 540 minuti.

I Codici Verdi , sono una urgenza differibile, cioè senza segni di imminente pericolo di vita, che rappresentano il 70,2% dei ricoveri generali; sono stati 43.129 con una permanenza media di circa 7 ore, in aumento del + 13% circa, rispetto al 2011 che presenta una media di 380 minuti.

I Codici bianchi sono i casi non urgenti, a volte viene fatto coincidere con accesso improprio e quindi sottoposto al pagamento del ticket, rappresentano il 5,8% degli accessi;in questo caso il tempo di permanenza è diminuito a seguito dell’apertura dell’Ambulatorio Medico di Famiglia in Pronto Soccorso voluto dalla Regione.