Roma, in manette ‘’lo scorpione’’: mago dei borseggi sui bus

0
27
 

E’ stato arrestato dai carabinieri della stazione Roma Trastevere il borseggiatore seriale dei mezzi pubblici della Capitale, un cittadino romeno di 34 anni, già noto alla forze dell’ordine e soprannominato “lo scorpione”. Il soprannome gli deriva da un grosso scorpione tatuato sul collo a cui la “tecnica” del manolesta si ispira, un po’ come il morso dell’animale, dolce ma letale.

L’uomo avvicina le sue vittime e una volta individuato dove tiene il portafogli, gli sfila i soldi lasciando stare il resto. Arrestato già diverse volte in passato dai Carabinieri, il manolesta ultimamente era diventato imprendibile. Infatti oltre ad essere bravo, essendo stato uno degli allievi prediletti di “nonno Benito”, veterano borseggiatore romano e maestro delle mani di velluto, lo scorpione conosceva e riconosceva oramai tutte le pattuglie antiborseggio dei carabinieri.

Ieri però gli è andata male. I militari dell’Arma di Trastevere hanno impiegato una pattuglia mista: un esperto Carabiniere che lo ha riconosciuto sul bus 64, all’altezza di piazza Venezia, e un nuovo carabiniere insospettabile che gli si è avvicinato e, in flagranza, lo ha bloccato mentre stava sfilando il portafogli ad un ignaro turista.