Casal Morena, era ai domiciliari ma rapina tabaccheria vicino casa

0
33
 

Stava scontando agli arresti domiciliari una condanna per rapina. Credendo di essere al sicuro e che le forze dell’ordine non avrebbe mai pensato a lui, ha rapinato una tabaccheria a pochi passi dalla sua abitazione. Protagonista della vicenda un 34enne romano che ieri è stato nuovamente arrestato dalla polizia. Gli investigatori del Commissariato Romanina lo hanno individuato e bloccato proprio all’interno del suo appartamento dove l’uomo era immediatamente tornato.

Tutto è accaduto nel tardo pomeriggio di sabato scorso tra le 18 e le 19 in via del casale Agostinelli, nella zona di Casal Morena. A telefonare Al 113 la vittima, titolare della tabaccheria, che ha riferito all’operatore della sala operativa della questura di avere appena subito una rapina da parte di un uomo a volto coperto da passamontagna, che era poi fuggito a bordo di un'autovettura. Minacciandolo con un grosso coltello si era portato via circa 2mila euro in contanti, 80 “gratta e vinci”, 120 biglietti di viaggio della Metrebus e 7 schede telefoniche.

Dalla descrizione fornita dal negoziante e dal modus operandi, i poliziotti del commissariato hanno immediatamente intuito chi poteva essere il possibile autore del reato; si sono infatti recati presso l’abitazione di un pregiudicato, proprio a pochi metri dalla tabaccheria. Parcheggiata di fronte al palazzo gli agenti hanno trovato, con il motore ancora caldo, un'auto identica a quella descritta dal tabaccaio. T.F., queste le iniziali dell’uomo sottoposto al regime degli arresti domiciliari, non ha risposto alla polizia; i rumori provenienti dall’interno dell’appartamento non hanno però lasciato dubbi agli investigatori che hanno deciso di fare irruzione. L’uomo era in camera da letto, fingendo di dormire; appena un agente gli si è avvicinato si è però alzato aggredendolo con un grosso coltello, lo stesso utilizzato poco prima per la rapina.

Dopo una colluttazione è stato disarmato e bloccato; perquisendo poi l’abitazione i poliziotti hanno trovato tutta la merce rubata, successivamente restituita al proprietario. Accompagnato negli uffici del commissariato, l’uomo è stato riconosciuto dalla vittima, oltre che “registrato” e riconosciuto dalle telecamere di video-sorveglianza poste all’interno della tabaccheria. T.F. è stato pertanto arrestato per i reati di rapina aggravata ed evasione, mentre l’auto utilizzata per la fuga è stata sequestrata.