Tor Carbone, rapina e accoltella uomo conosciuto in chat

0
23
 

Si erano conosciuti su internet e dopo qualche messaggio scambiato in chat si erano dati appuntamento per incontrarsi. Per l’occasione la vittima, un uomo di 41 anni, si era resa disponibile ad incontrare la nuova conoscenza nella sua abitazione, nella zona di Tor Carbone. Dopo l’incontro, nel corso del quale i due hanno consumato un rapporto sessuale, l’ospite occasionale, prima di andarsene, ha estratto un coltello con il quale ha minacciato il proprietario dell’appartamento per rapinarlo del danaro.

Alla reazione della vittima ne è nata una colluttazione, al termine della quale il 41enne è stato accoltellato in maniera grave. Subito dopo il fatto il malvivente era fuggito e il ferito, accortosi che stava perdendo molto sangue, ha chiamato un amico per farsi soccorrere. Trasportato in ospedale le condizioni dell’uomo sono apparse subito gravi, tanto che i medici, dopo un primo ricovero in prognosi riservata, dall’ospedale C.T.O. Alesini, dove era stato soccorso e dichiarato in pericolo di vita, è stato trasferito nel reparto di chirurgia del San Camillo per essere sottoposto ad un delicato intervento chirurgico.

Dopo l’allarme dei medici, sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato Tor Carbone che hanno immediatamente avviato le indagini. Ascoltati alcuni testimoni e ripercorrendo a ritroso le ore che hanno preceduto il grave fatto di sangue, gli investigatori sono riusciti a dare un volto e un nome all’aggressore, identificandolo per A.M.Y., un cittadino di nazionalità turca di appena 21 anni. Preziosi si sono rivelati per le indagini i riscontri effettuati sulla “rete” e l’esame dei tabulati telefonici.

Le ricerche, in un primo momento ostacolate dall’omertà delle persone vicine allo straniero e dallo stato di senza fissa dimora dello stesso, hanno avuto una svolta nella serata di ieri quando i poliziotti, appostati da giorni nei luoghi maggiormente frequentati dal ricercato, lo hanno “pizzicato” nella zona di piazzale Ostiense e catturato, proprio mentre si accingeva a lasciare il territorio italiano. Condotto in commissariato, il giovane è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto. Gravi le accuse nei suoi confronti. Dovrà rispondere, infatti, di tentato omicidio. Messo a disposizione dell’autorità giudiziaria è ora rinchiuso nel carcere di Regina Coeli.