Processo Cucchi, al via requisitoria dei Pm

0
29
 

A oltre due anni dall'inizio entra nella fase conclusivo il processo relativo alla morte di Stefano Cucchi, geometra 31enne deceduto il 22 ottobre 2009 all'ospedale Sandro Pertini, sei giorni dopo essere stato arrestato.

Iniziato il 24 marzo 2011 davanti ai giudici della III Corte d'Assise, oggi, in quella che è la trentottesima udienza, i pm Vincenzo Barba e Maria Francesca Loy al termine della requisitoria formuleranno le richieste di condanna o assoluzione nei confronti dei 12 imputati. Si tratta di sei medici (Aldo Fierro, Silvia Di Carlo, Stefania Corbi, Luigi De Marchis Preite, Rosita Caponetti, Flaminia Bruno) tre infermieri (Giuseppe Flauto, Elvira Martelli e Domenico Pepe) dell'ospedale Sandro Pertini che ebbero in cura Cucchi, nonché tre agenti penitenziari (Nicola Minichini, Corrado Santantonio e Antonio Domenici). Presenti in aula Ilaria e Giovanni Cucchi e Rita Calore, rispettivamente sorella, padre e madre di Stefano, tutti costituitisi parte civile nel processo cosi come il Comune di Roma e Cittadinanzattiva Tribunale per i diritti del Malato.

Lesioni aggravate, abuso di autorità nei confronti di arrestato, falso ideologico, abuso d'ufficio, abbandono di persona incapace, rifiuto in atti d'ufficio, favoreggiamento, omissione di referto, sono i reati contestati, a seconda delle singole posizioni processuali, agli imputati dai pm. In particolare gli agenti penitenziari sono accusati di lesioni aggravate e di abuso d'autorità nei confronti di arrestati o detenuti per aver, secondo l'accusa, il 16 ottobre del 2009 picchiato Cucchi nelle camere di sicurezza del tribunale in attesa dell'udienza di convalida. Non solo gli agenti avrebbero anche sottoposto il 31enne stante "le continue lamentele, a misure di rigore non consentite dalla legge per farlo desistere dalla reiterate richieste di farmaci".

Falso ideologico e abuso d'ufficio sono contestati a un medico e al direttore dell'ufficio detenuti per aver scritto cose non corrispondenti al vero nella cartella clinica di Cucchi relativamente alle sue condizioni generali di salute facendolo ricoverare in una struttura per pazienti non acuti, stabilizzati e non con politraumatismi come nel suo caso.