Porta Pia, minaccia operaio con taglierino: arrestato 50enne

0
55
 

Ha minacciato per vari giorni un operaio in zona Porta Pia cercando di farlo allontanare dal cantiere dove ogni mattina l’uomo si reca a lavorare. Ieri mattina la vittima per l’ennesima volta si è trovato davanti l’aggressore che, con un taglierino tra le mani, ha nuovamente aggredito l’operaio dicendogli di andarsene perché quel posto era di sua proprietà. Ha capito il pericolo che stava correndo ed ha telefonato al 113, poi si è barricato all’interno del cantiere dove lavora.

E’ questo ciò che ha raccontato la vittima agli agenti quando sono arrivati in via Foggia indicando ai poliziotti il portone dove l’uomo nel frattempo si era rifugiato. Individuato l’appartamento nel sottoscala grazie alla musica ed alle urla dell’uomo, gli agenti hanno iniziato a bussare ripetutamente alla porta. Quando l’uomo all’interno ha sentito che a cercarlo era la polizia, ha iniziato ad urlare frasi offensive e minacciose nei confronti di questi.

Quando si è deciso ad aprire la porta, gli agenti hanno visto che l’uomo, visibilmente agitato, aveva un paio di forbici in mano. Prima che la situazione degenerasse, i poliziotti hanno così deciso di entrare all’interno dell’appartamento. Una volta dentro, malgrado l’aggressività dimostrata dall’uomo, sono riusciti a bloccarlo e a metterlo in sicurezza, disarmandolo.

L’aggressore, identificato per P.R., un romano di 50 anni, conosciuto dalle forze di polizia sia per precedenti a suo carico che per altri episodi di aggressività nei confronti di alcuni abitanti del quartiere, è stato perquisito. Indosso, oltre al taglierino e ad un punteruolo in legno, i poliziotti hanno trovato anche 4 grammi di marijuana mentre nell’abitazione hanno sequestrato una “catana” di legno senza manico. L’uomo, riconosciuto anche dalla vittima dell’aggressione, è stato accompagnato negli uffici del Commissariato "Porta Pia" dove è stato arrestato per minaccia, resistenza, violenza e oltraggio a pubblico ufficiale nonché minacce ed aggressione aggravata ai danni di un cittadino