San Basilio, nasconde in fossato 2 fucili sottratti durante un trasloco: preso

0
25
 

Ha approfittato della fiducia di una conoscente, che gli aveva affidato le chiavi di casa per aiutarla in un trasloco, per impossessarsi delle armi. Due giorni fa la proprietaria dell’appartamento è stata avvisata dagli operai della ditta di traslochi che, chiusi in uno sgabuzzino, erano stati trovati due fucili. La donna, che era al corrente dell’esistenza di quelle armi, ma che non sapeva dove il marito, da poco deceduto, le custodisse, ha chiesto agli operai di lasciarle dove si trovavano, in attesa di recarsi al Commissariato di Polizia per le relative pratiche.

Il giorno successivo la signora si è recata nell’appartamento che stava liberando e non ha più trovato i fucili. Allarmata, ha chiesto al responsabile del trasloco se avessero ottemperato alle sue direttive o se li avessero spostati con il resto delle cose, ma è stata immediatamente rassicurata in tal senso. A quel punto i sospetti della donna sono subito ricaduti su un uomo di sua fiducia, cui lei stessa aveva affidato le chiavi di casa per essere aiutata nel trasloco. L’uomo ha dapprima negato, poi, incalzato dalla donna, ha confessato.

La signora si è rivolta agli uomini del Commissariato San Basilio, diretti da Adriano Lauro, che hanno rintracciato l’uomo e l’hanno convocato in ufficio. L’uomo, vistosi ormai scoperto, ha accompagnato gli agenti nel luogo dove aveva nascosto le armi, forse per evitare di aggravarE ulteriormente la sua posizione. I poliziotti hanno trovato i due fucili ancora nelle loro custodie, nascosti in un fossato lungo la via Nomentana e chiusi in un sacco nero dell’immondizia. L’uomo è stato denunciato per furto e porto abusivo d’armi.