Bellavista Caltagirone, sequestro beni per 145 mln tra cui jet yacht e immobili

0
92
 

I finanzieri del Comando Provinciale di Roma hanno apposto i sigilli a beni mobili ed immobili nell’esclusiva disponibilità del noto imprenditore romano Francesco Bellavista Caltagirone, in Italia ed all’estero, di valore prossimo ai 145 milioni di euro. Si tratta di uno dei più importanti sequestri, nella forma “per equivalente”, mai realizzato dalle Fiamme Gialle.

Al Fisco italiano il costruttore risultava nullatenente, essendo fiscalmente residente in Lussemburgo, mentre i numerosi immobili oggi sequestrati, di assoluto pregio, erano intestati a società straniere o nazionali, con mera funzione di schermo. Bellavista Caltagirone possedeva anche un jet ed un superyacht di oltre 70 metri denominato “The One” (da cui il nome dell’operazione), che utilizzava regolarmente per spostamenti personali e vacanze, senza versare nulla all’Erario italiano. Le indagini del Nucleo Polizia Tributaria della Capitale, coordinate dalla Procura della Repubblica di Roma, hanno consentito di appurare un’imponente evasione fiscale da parte dell’imprenditore, martedì scorso tratto in arresto nell’ambito dell’inchiesta giudiziaria relativa alla realizzazione del porto turistico di Fiumicino ed attualmente detenuto presso la casa circondariale di San Vittore a Milano.

Dagli accertamenti, è emerso che il gruppo “Acqua Pia Antica Marcia”, la cui holding capogruppo è la “Sapam S.p.A.”, faceva capo ad una società lussemburghese, a sua volta inserita in una catena di controllo costituita da altre imprese estere con sede in Lussemburgo, Antille Olandesi e Liechtenstein ed avente al vertice un trust con sede a Malta. Parimenti, il gruppo “Sca”, avente quale holding italiana la “Servizi contabili e amministrativi” e formalmente distinto dall’altro gruppo ma anch’esso riconducibile a Francesco Bellavista Caltagirone, era ricompreso in una catena di controllo costituita da imprese con sede in Lussemburgo e Cipro, al cui vertice era ugualmente posto un trust, questa volta con sede nelle Isole Vergini Britanniche. Grazie a numerose perquisizioni locali eseguite nel territorio nazionale presso imprese, studi legali e commerciali e abitazioni private, erano stati acquisiti molteplici elementi probanti della riconducibilità, sia in termini di proprietà che di gestione, a Bellavista Caltagirone, dei due citati gruppi societari, oltre che delle 45 imprese nazionali e delle società controllanti estere.

Le indagini delle Fiamme Gialle di Roma hanno anche rivelato l’esistenza di una miriade di imprese estere, prevalentemente ubicate, oltre che in Lussemburgo, a Cipro, nel Principato di Monaco, a Madeira, in Francia ed in numerosi “paradisi fiscali” oltreoceano (tra cui le Isole Vergini Britanniche e le Antille Olandesi), per lo più utilizzate dall’imprenditore per l’intestazione di beni mobili ed immobili – questi ultimi ubicati sia in Italia che all’estero – nella esclusiva disponibilità sua e dei familiari. Gli accertamenti hanno consentito di considerare “esterovestita” una galassia societaria costituita da ben cinquanta imprese con sede formale non in Italia, con l’attrazione a tassazione in Italia dei redditi dalle stesse conseguiti, pari a circa 600 milioni di euro, cui corrisponde un’imposta evasa, ai soli fini delle imposte dirette, di circa 162 milioni di euro.

A conclusione delle indagini, il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Roma ha disposto, su richiesta della locale Procura della Repubblica, il sequestro preventivo dei beni che, seppur formalmente intestati a soggetti giuridici italiani o esteri, con funzione di diaframmi interposti, sono da ricondurre alla disponibilità di fatto del citato imprenditore. In particolare, sono 23 gli immobili oggetto del provvedimento ablatorio, del valore complessivo di circa 15 milioni di euro, di cui 18 in Italia – tra cui appartamenti, anche di assoluto pregio, a Roma, Milano e provincia, Venezia ed una villa ad Anacapri – e 5 in Costa Azzurra (Francia). Tra i beni mobili figurano, invece, un lussuoso superyacht di 71 metri, battente bandiera di Madeira e del valore stimato di circa 100 milioni di euro nonché un aereo privato, tipo Falcon, formalmente intestato ad una società lussemburghese, attualmente custodito in un hangar di un aeroporto estero, del valore di circa 30 milioni di euro. Per i cespiti situati all’estero sono in corso le procedure rogatoriali per l’esecuzione del provvedimento di sequestro.

Rispondono dei reati fiscali, oltre a Francesco Bellavista Caltagirone, diciasette persone, rappresentanti legali delle società ritenute “esterovestite”, i cui importi dell’evasione avrebbero superato le soglie di punibilità previste dalla normativa penal-tributaria. Tutti dovranno rispondere anche dell’accusa di associazione a delinquere, essendo emersa l’assegnazione ad ognuno di compiti e ruoli precisi quali la predisposizione delle bozze dei bilanci delle società estere, la loro revisione, funzioni di tesoriere, prestanome.

È SUCCESSO OGGI...

Incidente per la polizia: una volante si scontra con un’auto, agenti feriti

Incidente stradale ieri sera a Roma per una volante della polizia in servizio di pattuglia. Secondo quanto riportato da ilmessaggero.it, intorno alle 22,30 la macchina si è scontrata con un'altra auto all'incrocio tra via Nomentana e...
autobus, atac, bus, trasporti

Atac, nessuna aggressione a conducenti nella notte fra venerdì e sabato

In relazione a notizie di stampa, secondo le quali sarebbero avvenute aggressioni ai danni di conducenti Atac nella notte fra venerdì 19 e sabato 20 maggio, l'azienda precisa che non risultano casi di aggressione né sulla...

Roma, accoltellato alla fermata dell’autobus

Un romano di 52 anni è stato accoltellato la scorsa notte a Roma mentre aspettava l'autobus a una fermata in via dei Fienaroli, a Trastevere. L'aggressore, un senza tetto uruguaiano di 60 anni, è...

Multiservizi, 4.000 posti a rischio: rinviata la seduta

di GIULIANO LONGO È stata rinviata al 30 maggio la seduta straordinaria del consiglio comunale dedicata alla Multiservizi dove sono a rischio 4.000 posti di lavoro. La sorte dell’azienda di global service impegnata nelle scuole...
alitalia aereo_airbus_a330_2

Crisi Alitalia, ecco la ricetta del sindaco di Fiumicino

La crisi di Alitalia  coinvolgerebbe circa 2.500 persone che abitano nel comune di Fiumicino e 3.000 persone che sono legate all'indotto. Questa la valutazione del sindaco di Fiumicino, Esterino Montino, nel corso di un'audizione alla...