«Alemanno non ci paga» La rivolta dei \’\’nonni vigile\’\’

0
241

Adesso basta, ci siamo stufati di aspettare: domani è venerdì e sarà l'ultimo giorno che svolgiamo questo servizio; poi rimarremo tutti a casa»: si sfoga così Giuseppe mentre presidia le strisce pedonali di via De Finetti, avanti alla scuola di Fonte Laurentina, zona XII Municipio. Giuseppe è uno dei tanti nonni vigile che ogni giorno con puntualità, precisione e pazienza svolgono la preziosa attività di rendere sicuri gli attraversamenti pedonali avanti alle scuole: berretto e gilet arancione, paletta alla mano, con la pioggia che scende impietosa, e lui sempre lì, dall’inizio dell’anno scolastico.

Ma da Lunedì i bambini delle scuole non si ritroveranno più gli amati “nonni arancioni” a presidiare le strisce pedonali. Motivo? Il Comune non ha finora retribuito il rimborso del buono pasto giornaliero di 4,65 euro: non certo un paga, piuttosto una cifra simbolica, sufficiente a malapena per un cornetto e cappuccino. Dall'inizio dell'anno scolastico neanche un euro è arrivato, eppure risulterebbe uno stanziamento di 240.000 euro per far fronte all'attività di circa 2.000 anziani in pensione, che svolgono un servizio volontario di vigilanza in 400 scuole romane, presidiando l'entrata e l'uscita dalle classi dei vari studenti in tutta la capitale. Già negli scorsi anni ci furono gravi problemi e ritardi nei pagamenti, che a partire dal 2009 peggiorato alimentando polemiche quanto infruttuose.

Un servizio, quello dei “nonni vigile” richiesto a gran voce dai genitori degli alunni di Fonte Laurentina che alla riunione tenuta dal locale comitato di quartiere lo scorso ottobre, espressero le proprie preoccupazioni per le auto che percorrono a gran velocità il quartiere senza rispettare la segnaletica. Di un presidio fisso dei Vigili Urbani neanche a parlarne visto che nelle ore di punta sono praticamente tutti precettati sulle consolari, e in particolare sulla Laurentina con i disastrosi cantieri dei filobus che riducono al lumicino le carreggiate e amplificano le file fino a fuori Roma.

E allora l'unica alternativa erano proprio loro, i “vigili nonni”. La notizia dell'avvio del servizio fu data con grande enfasi dal Municipio che annunciava l'avvenuto stanziamento dei fondi necessari e accolta con favore dai residenti. «Mi sento umiliato e preso in giro perchè ogni volta che chiedevamo notizie ci rimandavano sempre al giorno dopo e quel giorno non è mai arrivato: ora basta davvero, ancora domani e poi smettiamo tutti» conclude Giuseppe palesemente deluso e amareggiato. Silvio Talarico

È SUCCESSO OGGI...

Le promesse (mancate) dei Grillini paralizzano la Salaria

Roma, 22 settembre, la mobilità è insolitamente paralizzata nl quadrante nord della città e non se capisce il motivo. La Via Salaria, solitamente congestionata, ha raggiunto livelli di paralisi totale. Ma stavolta non è semplice...

Roma, truffava clienti con false polizze assicurative

Ex consulente finanziario truffava i clienti stipulando false polizze assicurative e intascando i soldi. I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma hanno eseguito il sequestro di beni immobili, per un...
Sergio Pirozzi

Sergio Pirozzi ringrazia la Meloni ma critica le divisioni nel centro destra

Eccolo il Pirozzi Sergio sindaco di Amatrice e del ‘fare’ che si presenta ad Atreju, la festa dei giovani della Meloni. E qui, dice «vi mando un messaggio: io sto qui da sindaco di...

Movida e sicurezza, sanzionati 42 buttafuori a Roma

I carabinieri del Comando Provinciale di Roma hanno avviato un monitoraggio delle persone addette ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi,...

Il vento sta cambiando e spinge alla deriva i 5stelle

Parafrasando il video ormai virale dove si vede la Raggi che in campagna elettorale dichiarava giuliva “il vento sta cambiando” mentre Roma affoga sotto un recente normalissimo acquazzone,il vento sta cambiando questa volta per...