Anzio, denuncia stalker che la perseguita da oltre un anno e lo fa arrestare

0
23
 

Era diventato l’incubo di una giovane donna bulgara, residente ad Anzio da molti anni. Il protagonista di questa vicenda è M.G., 42enne di Anzio, con qualche piccolo precedente di polizia che, si invaghisce di questa ragazza, 29enne abitante a Lavinio e decide che da quel momento la ragazza deve essere di sua “proprietà”. La storia ha inizio nel 2011 quando la ragazza, che lavora come impiegata in un’agenzia immobiliare, comincia improvvisamente ad essere importunata da M.G. L’uomo si presenta quasi quotidianamente sul posto di lavoro della donna, ma capito il suo rifiuto comincia a rivolgerle continuamente minacce di morte, ingiurie e aggressioni fisiche.

Lo spavento è tanto e la donna inizialmente si limita a chiamare il “113”, che invia le pattuglie davanti al negozio dove lavora ma poi, esasperata, presenta anche numerose denunce in commissariato. L’attività di indagine svolta dagli investigatori dopo qualche tempo viene completata e gli esiti trasmessi all’autorità giudiziaria di Velletri. Nei confronti dell’indagato viene aperto un procedimento penale per atti persecutori e lesioni personali. Malgrado inizino le udienze davanti al Giudice, le molestie dell’uomo vanno avanti lo stesso e la sua condotta oppressiva continua.

L’uomo, che risulta disoccupato, ha tutto il tempo da dedicare alla sua attività persecutoria. Segue continuamente la giovane nei suoi spostamenti, la controlla mentre si trova in ufficio a lavorare passando intere giornate davanti all’esercizio commerciale. Appena qualche giorno fa, mentre la giovane si trovava a bordo della sua auto ferma ad un semaforo, viene avvicinata nuovamente da M.G. che attraverso il vetro, dopo averle rivolto per l’ennesima volta delle minacce ed ingiurie molto pesanti, si allontana. Ieri, finalmente, i poliziotti del commissariato sono riusciti a mettere la parola fine a questo incubo.

La giovane, infatti, come ogni giorno si è recata al lavoro, quando improvvisamente è arrivato lo “stalker”, che ha iniziato a prendere a calci la porta per aprirla. La donna è riuscita a chiamare il 113 ed in pochi minuti è arrivata la volante che “beccato” in flagranza l’uomo, ancora presente davanti all’esercizio commerciale. Questa volta per lui sono scattate le manette. Arrestato, è stato accompagnato presso la casa circondariale di Velletri.