La statua “parlante” del Marforio torna a splendere

0
62
 

Concluso il restauro della fontana monumentale e della statua "parlante" del Marforio. Dopo sei mesi la fontana e la statua (compresa la parete retrostante) tornano allo splendore originario adornando il cortile del Palazzo Nuovo dei Musei capitolini. Interamente finanziato da Swarovski con un contributo economico di 100mila euro, il restauro è stato avviato lo scorso settembre e ha riguardato la pulitura della statua e degli altri apparati decorativi della rfontana attraverso consolidamenti, riadesione di frammenti, trattamenti chimici e microstuccature.

L'intervento ha consenito, inoltre, il ripristino dell'impianto idrico della fontana monumentale, riattivando l'adduzione dell'acqua e le canalizzazioni, il recupero della vasca attraverso l'impermeabilizzazione, la pulitura superficiale della nicchia retrostante sugli elementi architettonici sovrastanti. Infine la ricostruzione dei basamenti dei due delfini. La collaborazione è stata resa possibile anche grazie a Swarovski Crystal Society che ha celebrato il 150esimo anniversario dell'Unità nazionale "dando la possibilità ai suoi 45mila soci appassionati di acquistare in esclusiva e a tiratura limitata un pezzo unico della Lupa Capitolina e 3mila edizioni speciali in dimensioni minori". 

"Il contributo di Swarovski è uno degli esempi di sinergia tra pubblico e privato a vantaggio della collettività – ha sottolineato Umberto Broccoli, sovrintendente ai Beni culturali di Roma Capitale – attraverso cui poter intervenire anche in periodi di crisi come questo. Nel giro di due anni la sovraintendwenza e l'assessorato hanno accantonato 14 milioni di euro. Abbiamo lavorato portando risorse a un settore che di risorse ha bisogno. E per questo restauro dobbiamo ringraziare Swarovski e alla sua raffinatezza e scelta". Per l'assessore alle Politiche culturali e centro storico, Dino Gasperini, non si tratta di un'iniziativa arrivata casualmente "ma dopo il restauro di tutte le 'statue parlanti', un lavoro enorme.

Questo è davvero un risultato straordinario e dimostra che si può fare a costo zero anche in fase di difficoltà economica e siamo qui a tesimoniarlo: il risultato rende giustizia ad un lavoro straordinario". L'iniziativa rientra in una più ampia politica di "messa a reddito" del patrimonio storico e artistico di Roma che l'assessorato alle Politiche culturali e centro storico – Sovrintendenza capitolina attua dal 2009: le entrate provenienti da sponsorizzazioni, pubblicità di cantiere, concessione in uso, "consentono di far fronte ai fabbisogni per la conservazone dei beni culturali stessi". Presente anche Daniela Chessari, responsabile marketing e comunicazione Swarovski.