Tassa sui rifiuti, i romani pagano sempre di più

0
169
 

Dalla Tarsu alla Tares passando per la Tia, cambiano i nomi ma non la qualità della gestione dei rifiuti, con la conseguenza di tariffe fuori controllo. Dal 2007 al 2012, a fronte di un aumento medio su base nazionale del +17,1%, i costi nel Lazio sono aumentati del 11,8%, con consistenti incrementi registrati a Roma (+53%).

In attesa della Tares, che si annuncia come un nuovo salasso, non passano indifferenti gli ultimi colpi di coda di Tarsu e Tia, che "salutano" con un incremento del 2,8% su base nazionale rispetto all’anno passato. Un costo di 251 euro a persona per i cittadini del Lazio. A Roma la spesa è stata di 378 euro (invariata dall'anno precedente, +53% negli ultimi 5), a Rieti di 251 (0%, +5%), a Frosinone di 247 (0%, +13%), a Latina di 221 (- 17%, -21%) e a Viterbo di 160 (0%, +15%). La capitale e' al sesto posto in Italia tra i capoluoghi più costosi (Napoli al primo con 529 euro a persona), mentre Viterbo risulta tra i piu' economici.

I dati sono riportati nell'indagine dell'Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, presentata ieri alla stampa. L'analisi dell'associazione ha riguardato tutti i capoluoghi di provincia italiani (eccetto Pesaro), prendendo come riferimento una famiglia tipo composta da tre persone con un reddito lordo complessivo di 44.200 euro e una casa di 100 mq. E nel Lazio la situazione è risultata migliore rispetto alla media, che invece ha visto nel 2012 il prezzo per lo smaltimento dei rifiuti aumentare del 2,8% sul 2011 e del 17,1% sul 2007. Citando numeri di Legambiente il rapporto di Cittadinanzattiva ricorda anche alcuni dati del 2011 riguardanti la produzione di rifiuti, che a Roma è stata di 645,7 kg ad abitante (-2,4% rispetto al 2010).

«La ricerca mette in luce due tristi realtà – ha dichiarato Tina Napoli, responsabile politiche consumatori di Cittadinanzattiva – Da un lato, infatti, emerge con tutta evidenza di quanto sempre più la gestione del ciclo dei rifiuti sia emblematica delle tante contraddizioni di cui è vittima il nostro Paese: il servizio non migliora mentre i costi sopportati dalle famiglie sono sempre maggiori. Dall’altro, che l’Italia sconta un ritardo ormai grave e conclamato rispetto al resto d’Europa. Da noi, solo il 34% dei rifiuti urbani viene recuperato, rispetto alla media europea del 40%, e la metà dei rifiuti prodotti finisce in discarica». Il Codacons invita il prossimo Governo a congelare tutte le tariffe. «Tra rifiuti ed Iva- si legge in una nota – si tratta di un incremento di tasse pari a 286 euro, superiore, quindi, alla tanto contestata Imu sull'abitazione principale, con l'aggravante mortale di andarsi ad aggiungere all'imposta sulla casa».

E se ai cittadini costerà più della famigerata Imu, per molti negozi e piccole aziende la stangata Tares sarà anche peggiore. «Tanto pesante da porli in una situazione di grave vulnerabilità » – denuncia Confcommercio.      

Carmine Seta

È SUCCESSO OGGI...

Sisma, Regione Lazio: «Bene tavolo sviluppo area cratere con sindaci, imprese e associazioni lavoratori»

Analisi della situazione, evidenza delle criticità, piena collaborazione per una nuova fase: nel perimetro di queste modalità, si è svolto oggi in Regione Lazio il Tavolo di monitoraggio sull'attuazione del Patto per la ricostruzione...

La nuova truffa: caffè corretto con benzodiazepine per rapinare

E’ partita dalla denuncia di un anziano, l’indagine, svolta dagli investigatori della Polizia di Stato del compartimento Polfer per il Lazio e del commissariato Università, e che ha portato all’arresto di un uomo di...

Tivoli, arrivano 13 milioni per il restauro del santuario di Ercole Vincitore

13 milioni di euro per il Santuario di Ercole Vincitore e per la realizzazione di un auditorium e di un parcheggio multipiano nel complesso della ex cartiera Amicucci. I fondi sono stati stanziati dal...

Vallerano, tutto pronto per la festa della castagna

Escursioni, Degustazioni, Esposizioni, Passeggiate nella Natura, Visite d’arte, Pranzi e cene a tema nelle tipiche cantine di tufo per condividere il frutto DOP del valleranese: la Castagna! Dal 7 ottobre il borgo medievale della...

Ladispoli dice no alla trasformazione di Cupinoro in un centro di trattamento dei rifiuti...

“Il nostro territorio non deve diventare la pattumiera di Roma, contrasteremo in tutte le sedi l'ennesimo tentativo di aggressione al litorale che arriva da Cupinoro”. Con queste parole il sindaco Alessandro Grando ha annunciato che...