Buca dimenticata traffico paralizzato

0
27

Voragine dimenticata in via Rezzonico. Sono ormai più di due mesi che si è aperta la buca, molto profonda a causa del cedimento del manto stradale. I residenti del quartiere Casetta Mattei hanno chiamato subito la polizia di Roma Capitale per chiedere l’intervento, ma gli agenti hanno solo potuto recintare l’area circostante e ad oggi è nessuno è intervenuto per riparare il danno.  Via dei Rezzonico è una strada stretta sulla quale transita principalmente il traffico locale. La buca si trova quasi al centro della carreggiata e per questo provoca rallentamenti al traffico e quando le macchine parcheggiano su entrambi i lati impedisce il passaggio ai camion della nettezza urbana. La rete protettiva messa dalla polizia, inoltre rende difficoltoso per la gente l’ingresso di uno studio medico che si trova di fronte.

Tanti sono i disagi e per questo i cittadini esasperati non riescono a capire perché nessuno provvede alla riparazione. Il presidente della Commissione Mobilità e Trasporti del Municipio XV  Gaetano Cellammare spiega che la responsabilità non è del Municipio ma dell’Acea poiché il cedimento del manto stradale è stato causato da un danno alle tubature degli scarichi. «Le fogne sono di competenza dell’Acea – spiega il consigliere – che prima deve chiedere l’ordinanza di traffico ai vigili urbani del Municipio XV, cioè il permesso di chiudere la strada, e poi iniziare i lavori. Io ho verificato personalmente che l’ordinanza è stata emessa e quindi ora l’Acea è in grado di operare. Comunque solleciterò affinchè i lavori inizino al più presto».  

Ivan Selloni