Nuova viabilità ok solo per Ascob e Udc

0
28

Nuovo piano della viabilità? Promosso. A spezzare più di una lancia giustificativa in favore del riassetto viario voluto dall’Amministrazione a Isola Sacra è l’Ascob, associazione comune obiettivo. Che dichiara di aver “testato” la nuova viabilità messa a punto tra via del Faro e via della Scafa proprio in occasione dell’apertura delle scuole. Secondo il comitato, che per la verità rappresenta una minoranza nel coro pressoché unanime dei contrari, la nuova circolazione avrebbe superato la prova contribuendo, «nei limiti del possibile», a fluidificare il traffico nel quadrante.

E a quanti invocano il ripristino del precedente senso di marcia su via della Scafa, l’associazione sottolinea che se questo si dovesse verificare, si ripresenterebbe la stessa situazione di congestione e di caos che c’era prima dell’avvio della sperimentazione, all’inizio di agosto. «Si perderebbero», chiarisce Orazio Azzolini, presidente del comitato, «tutti quei vantaggi che la nuova viabilità ha portato». Nello specifico, con il ripristino del vecchio senso di marcia di via della Scafa dovrebbe essere previsto uno stop alla confluenza tra la stessa e la “nuova" via del Faro ricreando, appunto, le stesse condizioni che c’erano. L’invito al sindaco è quindi a «tener duro» valutando però l’opportunità di alcune modifiche nel primo tratto di via Coni Zugna, dove si incrocerebbero troppi flussi di traffico senza che sia chiaro chi abbia la precedenza.

E i negozianti che lamentano il calo delle vendite? La "colpa" sarebbe tutta della cronica mancanza di parcheggi alla Madonnella, replica ancora l’Ascob. Una posizione decisamente controcorrente, che finora ha trovato favorevoli soltanto l’Acis, associazione culturale Isola Sacra, di Alessandro De Nitto, e il consigliere UdC Angelo Caroccia. Per il resto, il coro di proteste sulla nuova viabilità resta unanime. E trasversale. Un papocchio, l’ha definita addirittura il capogruppo Pd Michela Califano, a cui si sono uniti i consiglieri di maggioranza William De Vecchis e Mauro Gonnelli. E i cittadini? Protestano e girano a vuoto, disorientati dai nuovi sensi unici.

Maria Grazia Stella