Malagrotta bis, Riano in cima alla lista

0
48

Oggi pomeriggio, alle ore 17, presso la sala consiliare del Comune di Riano, si terrà un Consiglio comunale straordinario sul problema rifiuti nel Lazio, a seguito dell'ufficialità della nomina del prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro, a commissario delegato per la questione Malagrotta, discarica che, come da notifica della Commissione europea al Governo italiano, dovrebbe chiudere entro l'anno. Un provvedimento che renderà necessario trovare a breve un sito alternativo. Le cave di Riano, insieme a Pian dell'Olmo, a confine con il comune di Roma, rimangono in cima alla lista e secondo alcune voci di stampa dovrebbero ospitare una discarica che macera il 55% dei rifiuti di Roma, Fiumicino, Ciampino e dello Stato del Vaticano. Ipotesi che in questi giorni sembra si faccia sempre più concreta nonostante per vincoli ambientali e archeologici, per la vicinanza delle abitazioni o dei corsi d'acqua o per la eccessiva permeabilità del terreno la scelta sia stata ritenuta inopportuna dagli stessi tecnici regionali.

Ma in paese istituzioni e cittadini sono sul piede di guerra. L'ipotesi discarica alternativa a Malagrotta, infatti, crea forte preoccupazione, tanto che il sindaco del Comune, Marinella Ricceri, con un telegramma, ha invitato lo stesso commissario Pecoraro a partecipare al Consiglio. «Domani (oggi ndr) – ha detto il sindaco Ricceri – ribadiremo al neo commissario la totale contrarietà ad ipotesi che prevedono discariche alternative a Malagrotta nel territorio del comune di Riano o nel territorio confinante di Pian dell’Olmo che, solo formalmente, ricade nel Comune di Roma, e lanceremo una vigilanza costante, continua e determinata su tutta la vicenda. Noi a Riano non vogliamo nessuna discarica». Sostegno all'iniziativa è arrivato anche dal consigliere provinciale Carlo Lucherini che ha richiamato le responsabilità del Campidoglio e della Regione. «Oggi la decisione di nominare un commissario ai rifiuti – commenta Lucherini – è una furbata del duo Alemanno – Polverini per scaricarsi dalle responsabilità politiche delle scelte che verranno operate.  E' arrogante scaricare sulla provincia le incapacità e le difficoltà di Roma che dopo più di tre anni è ancora al 25 per cento di raccolta differenziata. E' un errore disseminare di discariche, nemmeno tanto  "mini" come si dice visto che si va da 45 ettari a 175, tutta la Regione. Bisogna ripensare globalmente la questione, a cominciare dalla raccolta differenziata porta a porta». 

È SUCCESSO OGGI...

Il divino Otelma su Totti: «Smetterà di giocare. Potrebbe collaborare con me»

Il divino Otelma è intervenuto questa mattina ai microfoni di Ecg, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, su Radio Cusano Campus, l'emittente dell'Università degli Studi Niccolò Cusano. Sul futuro di Totti: "Smetterà di giocare. Potrebbe...

Moschee abususive in box: tensione al Municipio V

Box auto trasformati in moschee abusive, con tanto di insegne all'esterno e affissioni con gli orari di preghiera, tra scale spostate nell'area di manovra dei veicoli, tramezzi eliminati, muri sfondati per unire piu' locali,...

Soy Luna in live tour in Europa. Tutte le info sulle tappe in Italia

Dopo lo straordinario successo della serie Disney Channel Soy Luna e il tutto esaurito registrato quest’anno in America Latina durante il tour Soy Luna en Concierto, The Walt Disney Company EMEA è lieta di...

Meleo: «Riaperto primo tratto pista ciclabile Monte Ciocci – Monte Mario»

È stato completato e riaperto il primo tratto (Gemelli - Balduina) della pista ciclabile Monte Ciocci - Monte Mario. Inaugurata nel 2014, il tratto ciclabile versava in completo stato di abbandono.  I lavori di...
Gonfalone-di-Monterotondo

Monterotondo, “l’ospedale SS. Gonfalone è in grande difficoltà”

Dopo la ristrutturazione degli scorsi mesi "l’ospedale SS. Gonfalone di Monterotondo presenta ancora forti anomalie e non risulta essere funzionante a pieno regime. Lo sanno bene i cittadini della zona che da tempo denunciano...