Roma violenta, nuova gambizzazione in via Portuense

0
22

Scorre nuovo sangue sulle strade della Capitale. Un romano, 33 anni e qualche precedente per oltraggio, è stato gambizzato questa mattina in via Portuense 576. L’uomo, prontamente trasportato in ospedale, ha riferito agli agenti di essersi ferito da solo a una gamba mentre era a bordo della sua auto, una Fiat Panda, ma l’arma non è stata trovata. Secondo gli investigatori la gambizzazione sarebbe in realtà maturata per un regolamento di conti in ambito criminale.

L'ultima sparatoria con ferito a Roma risaliva alla notte tra venerdì e sabato scorso a Tor Bella Monaca quando una bimba di 10 anni era rimasta lievemente ferita. Ancora il 15 settembre un giovane di 21 anni era stato ferito da colpi di pistola da un uomo a bordo di uno scooter, mentre l'11 settembre nel quartiere Portuense, si era consumato un inseguimento a colpi di pistola. Il 23 agosto il diciottenne Edoardo Sforna era stato ucciso con alcuni colpi di pistola all'interno della pizzeria nella quale lavorava, a Morena, nella periferia sud est. La notte prima a Centocelle, c'era stata una sparatoria in mezzo alla strada e un marocchino era stato ferito per motivi legati allo spaccio di droga. A fine luglio si erano verificate sparatorie in strada a Primavalle, dove un uomo era stato gambizzato, e a Casal Bruciato, dove era stato ferito un 33enne. E il 5 luglio l'episodio più eclatante: alle 9.30 nel centrale quartiere di Prati, Flavio Simmi, romano di 33 anni, fu crivellato in strada da sette colpi sparati da due individui in moto, sotto gli occhi della sua compagna.

Negli occhi dei romani resta impressa l’immagine di queste strade sporche di sangue. Nelle orecchie riecheggiano le durissime parole di Alemanno riguardo l’omicidio Reggiani: "Veltroni e Rutelli dovrebbero interrogarsi sulle loro responsabilità", dette nel 2008, durante la campagna elettorale. Nella testa, un’unica domanda: adesso che c’è Alemanno questa città è più sicura?