Concessi domiciliari a Pambianchi

0
42

Il gip Giovanni De Donato ha deciso di concedere gli arresti domiciliari a Cesare Pambianchi, presidente uscente della Confcommercio di Roma e Lazio, indagato nell'ambito di un'inchiesta su una presunta maxi evasione fiscale da 600 milioni di euro. Anche il commercialista Carlo Mazzieri, titolare con Pambianchi di uno studio professionale, è stato scarcerato.

Il gip ha accolto la richiesta di giudizio immediato formulata dalla Procura quindi il processo per Pambianchi e Mazzieri, in carcere dallo scorso 14 giugno, e per altre sette persone, avrà inizio il 15 novembre.

L'inchiesta in questione è costata a Pambianchi e ad altre 40 persone l'arresto, con differenti gradi di responsabilità, per associazione a delinquere, bancarotta fraudolenta, appropriazione indebita, riciclaggio e reati tributari. Secondo quanto sostenuto dalla pubblica accusa Pambianchi per agevolare le attività illecite di alcuni gruppi imprenditoriali anche attraverso il trasferimento all'estero di società ormai depauperate dell'attivo avrebbe incassato insieme con Mazzieri cospicui compensi in nero per svariati milioni di euro.