Asili nido, addio al pubblico

0
68

Addio a ogni speranza di fare il nostro mestiere. Era uno degli striscioni presenti alla protesta indetta dall’Unione sindacale di base a Roma contro gli effetti negativi prodotti dall’ultimo provvedimento della giunta Polverini. Con l’approvazione dell’assestamento di bilancio di agosto, la Regione Lazio ha deliberato la riduzione del rapporto tra educatrici e bambini, che passa dal precedente 1 a 6 all’attuale 1 a 7, nonché la metratura a loro disposizione (da 10 metri quadri per ogni iscritto si passa a 6).

Il rischio, stimato da Federconsumatori Lazio, è che 13.000 bambini si trovino senza insegnanti all’inizio dell’anno. L'effetto della manovra è già una realtà nella provincia, dove le strutture finanziate dal “pubblico” si contano sulle dita di una mano. Nell'area Casilina, ad esempio, solo Colleferro può vantare un asilo pubblico. Conta 100 posti, per un costo che si aggira attorno ai 180 euro mensili. Interminabile la lista di attesa. Chi è rimasto fuori dalle graduatorie può rivolgersi al privato, ma ad un prezzo che raggiunge anche i 450 euro mensili. Per le famiglie "bisognose" La Regione stanzia dei contributi annuali per un massimo di mille euro (c'è tempo fino al 9 settembre per presentare domanda). Ma anche i Comuni "virtuosi", pochi a dir la verità, hanno avviato iniziative per sostenere i redditi. «Il problema – spiega Cinzia Sandroni, assessore all'Istruzione del Comune di Colleferro – risiede negli alti costi di gestione della struttura. Molti Comuni dell'area hanno provato ad ottenere dei finanziamenti per aprire ma la difficoltà risiede anzitutto nel costo del lavoro, impossibile da affrontare per alcuni. Qui a Colleferro abbiamo scelto la strada del pubblico – ha aggiunto l'assessore – ma sono sempre di più le difficoltà che dobbiamo affrontare ogni anno».

Solo ad Artena stanno provando una soluzione “controcorrente”. Grazie a un finanziamento regionale di qualche anno fa, in località Valle dell'Oste sarà pronto entro il nuovo anno un nuovo asilo nido comunale. «Oggi i genitori di quest'area – spiega l'assessore del Comune di Artena, Augusto Angelini – si rivolgono ai privati. Domani potrebbe esserci l'alternativa del pubblico ma dovremo fare un bando e i costi si annunciano alti. Ci batteremo per ottenere i finanziamenti, ma con i nuovi provvedimenti la strada è in salita». 

 Carmine Seta

È SUCCESSO OGGI...

Ladispoli dice no alla trasformazione di Cupinoro in un centro di trattamento dei rifiuti...

“Il nostro territorio non deve diventare la pattumiera di Roma, contrasteremo in tutte le sedi l'ennesimo tentativo di aggressione al litorale che arriva da Cupinoro”. Con queste parole il sindaco Alessandro Grando ha annunciato che...

Fiumicino Film Festival, tutti i premi della prima edizione

Si è conclusa la prima edizione del Fiumicino Film Festival, kermesse dedicata ai film di viaggio che si è tenuta nella cittadina del litorale laziale dal 22 al 24 settembre, con la direzione del produttore Giampietro...

Spaccia in un parco per bambini e per non farsi prendere ingerisce ovuli di...

In esito ai servizi predisposti dal Questore Guido Marino, volti alla salvaguardia della sicurezza e al contrasto di ogni forma di illegalità nel quartiere Pigneto, sono stati effettuati due arresti dagli agenti della Polizia...

Tivoli, arrivano 13 milioni per il restauro del santuario di Ercole Vincitore

13 milioni di euro per il Santuario di Ercole Vincitore e per la realizzazione di un auditorium e di un parcheggio multipiano nel complesso della ex cartiera Amicucci. I fondi sono stati stanziati dal...
Pugni violenza donna

Roma, “offre” la figlia a uno sconosciuto prospettandogli un rapporto sessuale

Le indagini degli investigatori del Commissariato Monteverde sono iniziate a seguito della segnalazione di un extracomunitario che, giunto negli uffici della Polizia di Stato, ha riferito di essere stato fermato in strada da un...