Chiama Ps per denunciare aggressione, viene arrestato per coltivazione marijuana

0
17

Utilizzava il giardino della propria abitazione per la coltivazione delle piante di marijuana, in attesa che crescessero abbastanza da ricavarne dosi da confezionare per destinarle alla vendita riservata ai suoi clienti.

L’uomo P.A.F., un boliviano di 47 anni, è finito in manette al termine di una perquisizione domiciliare. Lo straniero ieri pomeriggio ha telefonato al 113, dichiarando di aver assistito ad un’aggressione avvenuta all’interno del suo appartamento. Si sono immediatamente recati sul luogo della segnalazione, in via San Leonardo Romito a Casal dee Pazzi, gli agenti del Reparto Volanti. Il 47enne ha dichiarato agli agenti che, mentre si trovava all’interno della sua camera da letto in compagnia di un amico, un italiano di 31 anni, improvvisamente è entrato nell’abitazione un loro conoscente, un colombiano di anni 45, tale “Daisy”. Il colombiano, poichè già in passato ospitato dal boliviano, era in possesso delle chiavi d’ingresso. Senza alcun motivo, il 45enne, avrebbe aggredito il 31enne, colpendolo con calci e pugni, minacciandolo anche con un coltello. Gli agenti del Commissariato San Basilio, competenti per territorio, hanno avviato immediatamente opportune indagini, al termine quali è risultato anche che la vittima si era recata con mezzi propri in ospedale, dove si trova attualmente ricoverata a causa dei traumi subiti durante l’aggressione.

Nel corso della perquisizione domiciliare, gli agenti hanno trovato il coltello da cucina nascosto sotto il letto della camera, ma nel giardino di pertinenza dell’abitazione hanno trovato 5 piante di marijuana. Un bilancino e materiale per il loro confezionamento in dosi era nascosto all’interno di una credenza. P.A.F. è stato arrestato per produzione e coltivazione di sostanza stupefacente, mentre il colombiano di 45 anni è stato denunciato per lesioni dolose aggravate.