Sgomberati i rom della stazione

0
19

Il raddoppio della Fr2 “sfratta” i rom.  Sono stati sgomberati ieri gli zingari da tempo insediati a Tivoli Terme proprio nei pressi della stazione ferroviaria. Gli agenti della Polfer, in collaborazione con i poliziotti del commissariato tiburtino, hanno cominciato intorno alle 8 del mattino. Una quarantina in tutto gli stranieri allontanati dai loro alloggi di fortuna. Poi sono entrate in azione le ruspe. Si attende un intervento dei Servizi sociali, ma nessuno sa ancora che fine faranno queste famiglie. La paura è che possa nascere dall’oggi al domani, come a Stacchini, un nuovo insediamento abusivo.  Una decisione, quella di bonificare l’area presa in tutta fretta dal momento che lì saranno aperti i cantieri per l’avvio dei lavori del raddoppio della Fr2.  Terminati i sondaggi infatti gli interventi sono pronti a partire.  Una opera importante i cui dettagli sono stati presentati lo scorso febbraio e anche allora fu sollevato il problema della presenza in zona di insediamenti abusivi. Da realizzare undici chilometri di nuovi binari.

Due le nuove stazioni: Tivoli Terme e Guidonia.  Il tutto per un investimento complessivo di 150milioni di euro. Il raddoppio della  Fr2, i cui lavori dovrebbero terminare nel 2014, prevede anche la chiusura di tre passaggi a livello nel comune di Tivoli (via Lucania, Via Cesurni e via Parma); i restanti due nel comune di Guidonia (via dell'Albuccione e via Moris). Al loro posto saranno realizzati sottopassi ferroviari e una nuova viabilità stradale. Dal punto di vista della realizzazione delle due nuove stazioni, quella di Tivoli Terme (circa 2000 metri quadrati) avrà un ampio atrio e un locale bar con servizi. Le banchine saranno coperte con moderne pensiline mentre l'informazione al pubblico sarà offerta mediante monitor e annunci sonori. Nuovi marciapiedi per facilitare entrata ed uscita dalle stazioni realizzati secondo gli standard metropolitani. Tutta l'area sarà sorvegliata con un sistema di video. Predisposti anche parcheggi di interscambio per 312 posti auto, 28 per le moto ed una zona dedicata ai capolinea degli autobus, con 5 banchine ed un'area di fermata mezzi privati e taxi. 

 Adriana Aniballi