Differenziata? Dipende da chi effettua la raccolta

0
28

Pomezia, raccolta differenziata o no? La scelta, a quanto pare, non è dei cittadini, nemmeno di quelli più scrupolosi, ma di chi i rifiuti li raccoglie. Finora quello che più o meno tutti sapevano veniva solo detto in modo informale, ma adesso le semplici chiacchiere di piazza si sono concretizzate in quello che, a breve, diventerà molto probabilmente un esposto alle autorità competenti. Dove previsto, gli utenti effettuano la raccolta differenziata e la sistemano negli appositi contenitori in attesa che venga raccolta. Ma, emergenza dei giorni scorsi a parte, spesso – troppo spesso – i rifiuti vengono invece presi e caricati tutti insieme in un unico mezzo, alla faccia di chi perde tempo a sciacquare bottiglie di vetro e a separare la carta dalla plastica. A metterlo nero su bianco un cittadino, che – ieri mattina verso le 9.30 – ha assistito a un esempio di questa raccolta. «Un camion della differenziata – scrive il cittadino all’ufficio Ambiente – era fermo sulla rotatoria di piazza Ungheria a Torvaianica, bloccando tutto il traffico da nord, per raccogliere due secchioni di rifiuti e materiale riciclabile in busta, giustamente posati da un “genio del male” proprio in quella posizione. Se non bastasse il demenziale blocco della rotatoria, lo sforzo di differenziare è stato vanificato dall’aver visto gettare i rifiuti tutti in un unico camion. E adesso voglio chiedervi: con quale faccia si va a contestare ai condomini qualche errore di classificazione dei rifiuti, dal momento che chi poi raccoglie della stessa differenziazione se ne infischia pubblicamente? O finora abbiamo scherzato?».

Ma se di scherzo si tratta, sicuramente è di cattivo gusto, visto quanto è stata decantata la raccolta differenziata. La stessa protesta è stata fatta dai commercianti, che hanno più volte, anche in passato, osservato come i sacchi dell’immondizia venivano caricati tutti insieme a prescindere dalla tipologia. Chi effettua i controlli sul servizio? Ma soprattutto, c’è qualcuno che li effettua? Il cittadino completa la sua denuncia dell’accaduto con altri particolari “caratteristici” della raccolta. «Non ho motivi per non credere a quanto affermato dal cittadino – ha risposto l’assessore all’Ambiente Piero Toce – Nei pochi giorni da quando mi sono insediato in questo ufficio ho dovuto far fronte a diversi problemi, ma di questo non ne ero a conoscenza perché non era giunta nessuna segnalazione. Ovviamente adesso faremo partire un’indagine interna per capire come stiano effettivamente le cose e di chi siano le eventuali colpe. E se colpe ci saranno, verranno presi gli opportuni provvedimenti». Toce poi tranquillizza la cittadinanza sull’allarmismo che si stava creando su una possibile imminente nuova emergenza rifiuti legata alla chiusura della discarica di Albano a causa del grosso debito – circa 13 milioni di euro – che l’Amministrazione ha nei confronti della Pontina Ambiente, la quale reclama il pagamento entro il 28 giugno. «Abbiamo appena effettuato un bonifico di acconto nei confronti della società con i soldi provenienti da Ici e Tarsu, mantenendo così gli impegni presi in precedenza. L’Amministrazione sta inoltre cercando di rispettare il piano di rientro concordato con la società, quindi non ci sono rischi di questo genere».

Maria Corrao