Bidonville nascosta nella boscaglia

0
19

Una bidonville ad Ardea. E’ questa la sconcertante scoperta fatta ieri mattina dalla polizia locale durante i consueti controlli sul territorio. La squadra guidata dal maggiore Maria D’Alessandri e dal capitano Aldo Secci ha notato alcune donne con al seguito dei bambini, alcuni dei quali talmente piccoli da stare ancora nel passeggino, che passavano attraverso un foro nella rete di recinzione che separa la boscaglia a ridosso del “Fosso del Diavolo” dal Consorzio di Colle Romito. Gli agenti avevano già ricevuto alcune segnalazioni da parte di cittadini residenti nel Consorzio, che da qualche tempo si lamentavano del cattivo odore proveniente dalla zona incriminata, ma non si aspettavano di trovare un vero e proprio accampamento, un piccolo villaggio di baracche circondate di rifiuti e di residui di pneumatici bruciati, presumibilmente per poterne prelevare i cerchioni. All’interno di una delle fatiscenti abitazioni la pattuglia della municipale ha trovato una donna straniera con due bambini di circa 5 anni, che sono stati immediatamente affidati ai servizi sociali.

Le baracche erano dotate di un sistema di illuminazione con gruppi elettrogeni, utilizzati anche per fornire l’elettricità ai frigoriferi e agli altri elettrodomestici. Per non farsi scoprire, l'energia veniva utilizzata solo di notte, con la conseguenza che molti dei cibi contenuti nei frigoriferi, anche quelli destinati ai bambini, erano deteriorati. I fornelli erano allacciati a bombole del gas e nell’area circostante gli agenti hanno rinvenuto numerose tracce di principi di incendio. La fitta boscaglia che circonda e ricopre l’intera zona aveva finora reso impossibile il ritrovamento di questa baraccopoli, non rilevabile neppure dall’alto dagli elicotteri delle forze armate. A breve le baracche verranno demolite e l’area bonificata; nel frattempo continuano i controlli della polizia municipale per rinvenire nuovi insediamenti e per rintracciare tutte le persone che vivevano in questo accampamento dove, tra le altre cose, sono stati rinvenuti arnesi da scasso, elettrodomestici ancora imballati e altri oggetti presumibilmente frutto di furti nella zona circostante.

Maria Corrao