Ostia, filmati e foto per combattere i decibel

0
22

You tube e controlli fai da te. Il popolo anti-movida scende in strada e si dichiara pronto alla battaglia. Le “armi” dei cittadini insonni causa discoteche di Ostia sono videofonini e telecamere. L’intento è quello di mostrare come si convive con i decibel e il caos provocato dai locali notturni. Si moltiplicano sui siti internet i video realizzati dai residenti che vivono nei quartieri più adiacenti il lungomare lidense, in cui si certifica il livello del rumore prodotto dalle discoteche nel cuore della notte. «In previsione del prossimo fine settimana, sicuramente infuocato (tra traffico e musica), – fanno sapere infatti dal neonato Comitato di Quartiere Lido di Castelfusano – e nonostante le rassicurazioni dell'Amministrazione municipale sulla regolarità della situazione, puntualmente smentita dai continui episodi documentati dai nostri filmati, esigiamo il massimo impegno da parte degli organi preposti a far si che il nostro quartiere non diventi il solito teatro di situazioni fuori della legalità, risse, accoltellamenti, musica incontrollata ad altissimo volume fino alle 4,30 del mattino».

Ma i cittadini non si limitano ad attendere i riscontri delle forze dell’ordine che in queste prime settimane di movida hanno monitorato sia i livelli d’inquinamento acustico tramite i fonometri, che gestito la viabilità nelle zone calde del lido. «E' nostra intenzione – spiegano i residenti della zona – essere presenti sul territorio a testimonianza di quello che accadrà e a riportare dettagliatamente le nostre documentazioni senza timore di essere smentiti. Visto che ci viene negato il diritto al riposo ed essendo costretti a passare le notte in bianco, saremo in strada per documentare e denunciare tutte le situazioni che più parti stanno tentando di minimizzare. Sicuri che il nostro appello non verrà ignorato, rinnoviamo la nostra massima fiducia nell’operato delle forze dell'ordine e nella attenzione dell’amministrazione locale, ambedue preposte alla tutela della collettività intera». Si surriscalda dunque il clima delle notti brave di Ostia per una stagione iniziata già con la chiusura di una discoteca, su ordinanza della Questura di Roma, a seguito di una rissa con accoltellamento e una lunga serie di multe ai locali per eccesso di decibel e mancato rispetto degli orari di chiusura. Cittadini contro discoteche, Municipio XIII che elimina i limiti di aperture serali per i locali, forze dell’ordine che si ritrovano in mezzo alle polemiche: e l’estate 2011 per Ostia è solo all’inizio.  

Valeria Costantini