Alemanno lascia il Municipio senza fondi

0
19

Della protesta dei minisindaci di sinistra per i tagli, da loro ritenuti illegittimi, ai bilanci dei municipi abbiamo scritto in questi giorni, ma delle continue difficoltà che questi debbono quotidianamente affrontare nulla di più illuminante dei piccoli/grandi disagi che rendono difficile e talora impossibile amministrare il decentramento.

E' il caso del municipio XI dove, come ci racconta Andrea Catarci presidente di quel municipio, è scaduto l’appalto per la manutenzione delle cucine e delle lavanderie degli asili nido territoriali. Ma nel frattempo occorre attendere l’approvazione del Bilancio capitolino 2011 in consiglio. Così, grazie alla ripetuta lentezza dell’amministrazione capitolina, l'appalto verrà deliberato non prima di metà giugno. Nel frattempo il municipio è nell'impossibilità di mantenere in efficienza gli impianti che già usurati e obsolescenti richiedono urgenti interventi di conservazione. E' evidente che senza la garanzia di cucine e lavanderie in funzione regolarmente il municipio rischia di dover chiudere i nidi, mettendo a repentaglio i diritti essenziali che ricadono sotto la responsabilità delle amministrazioni Locali. "Il protrarsi costante e continuo -commenta Catarci- della cattiva abitudine delle Giunte Alemanno, di ritardare all’infinito la manovra di bilancio, tagliare la spesa, introdurre aumento di tasse e tariffe, sottrarre i fondi che per regolamento spetterebbero ai Municipi  sta portando sempre più velocemente verso quella paralisi amministrativa e dei servizi che da tempo si denuncia come rischio incombente.”